Mini IMU, come si paga con modello F24 e bollettino postale

di Barbara Weisz

scritto il

Guida alla compilazione del Modello F24 o del bollettino postale per pagare la Mini IMU, anche nei casi particolari come i residenti all'estero.

La Mini IMU in scadenza il 24 gennaio si paga con le consuete modalità – IMU: modello F24 o bollettino postale, ma bisogna fare attenzione alla compilazione, che segue regole particolari, in parte spiegate nelle FAQ del Ministero delle Finanze. Vediamo le istruzioni generali per entrambe le tipologie di pagamento. Segnaliamo anche alcune guide con le istruzioni di pagamento a Roma, Torino, Verona.

Mini IMU con F24

Nell’F24 ordinario va compilata la “sezione IMU e altri tributi locali“. Nel campo “codice ente/comune” si inserisce l’identificativo del Comune in cui si trova l’immobile: ad esempio F205 per Milano e H501 per Roma (lista completa disponibile qui). Poi:

  • nel campo “tipo di pagamento” va barrata la casella “Saldo” e nel campo “numero immobili” vanno considerate anche le pertinenze, che per la prima consentite sono consentite nel numero massimo di 3, una per ogni tipologia consentita: C/2 (cantine, soffitte, magazzini), C/6 (autorimesse, rimesse, scuderie) e C/7 (tettoie);
  • il codice tributo per l’abitazione principale è 3912, per i terreni 3914; lo spazio “rateazione” va compilato solo per la prima casa, con codice 0101; l’anno di riferimento è il 2013;
  • nel campo importi a debito si inserisce l’ammontare della mini IMU dovuta, che si calcola applicando all’imponibile l’aliquota IMU comunale e sottraendo l’eventuale detrazione, sempre facendo riferimento alla delibera del comune. Poi si procede allo stesso modo ma con l’aliquota standard dello 0,4%. Dalla differenza tra i due importi, si calcola il 40% da versare; nella casella “detrazione va inserita quella prevista nel comune di appartenenza.

Mini IMU con bollettino postale

Si utilizza l’apposito bollettino IMU prestampato, disponibile negli uffici postali o, per via telematica, tramite servizio online di Poste Italiane. L’intestazione è “pagamento IMU“, il numero di conto corrente 1008857615, valido per tutti i comuni ma non utilizzabile bonifico. Si compilano i campi con le proprie generalità (nome e cognome, codice fiscale, data di nascita, sesso, comune di nascita) e i dati sugli immobili. Si barra solo la casella Saldo e l’anno di riferimento è il 2013. Anche qui si indicano sia l’importo dovuto sia la detrazione prevista. Se si sceglie di pagare con bollettino postale, sarà necessario utilizzarne uno diverso per ciascun comune in cui è localizzato l’immobile per cui è dovuta la Mini IMU. Significa che non si possono inserire nello stesso bollettino immobili ubicati in comuni diversi (cosa che invece si può fare se gli immobili sono nello stesso comune).

Casi particolari

I residenti all’estero pagano con il modello F24. Nel caso in cui questo non sia possibile, devono seguire la procedura indicata dal comunicato del ministero dell’Economia del 31 maggio 2012: contattare il comune in cui si trova l’immobile e chiedere le istruzioni di pagamento, complete di codice Iban del conto su cui effettuare il versamento. Poi, devono spedire al Comune la ricevuta di versamento. Come causale del versamento devono indicare: il proprio codice fiscale o partita IVA del contribuente (in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza), la dicitura IMU, il Comune in cui si trova l’immobile, il codice tributo dell’immobile, l’annualità di riferimento (2013), l’indicazione saldo.  E’ comunque il caso di verificare tutte queste istruzioni con il proprio Comune quando si chiedeono le istruzioni precise.