Tratto dallo speciale:

Concordato Preventivo, pronto il Modello CPB: come si compila e invia

di Barbara Weisz

1 Marzo 2024 15:01

Pubblicato il nuovo Modello CPB 24/25 per aderire al concordato preventivo biennale e comunicare i dati utili al calcolo della proposta: come si compila.

L’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello di comunicazione dei dati utili al Fisco per formulare la proposta di concordato preventivo biennale per gli anni d’imposta 2024 e 2025.

La comunicazione rappresenta il primo passo per l’adesione allo strumento introdotto dalla riforma fiscale, che consente di fissare l’imponibile su cui pagare le tasse per i successivi due anni.

=> Scarica il Modello CPB 24/25

Il Concordato Preventivo Biennale (CPB) è riservato alle Partite IVA che applicano gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità fiscale). Vediamo come si aderisce.

Concordato biennale: i dati per la Proposta del Fisco

Il Modello riguarda i contribuenti che nel periodo d’imposta 2023 hanno esercitato, in via prevalente, una delle attività economiche del settore Agricoltura, Manifatture, Servizi, Attività professionali e Commercio, per le quali risultano approvati gli ISA e che sono tenuti all’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale.

Il Modello di comunicazione dei dati rilevanti alla definizione della proposta fiscale è stato approvato con provvedimento del 28 febbraio 2024, contestualmente all’approvazione dei 175 modelli ISA utili al calcolo presuntivo delle proposte di imponibile: i dati generali per la categoria di riferimento saranno integrati con quelli reddituali personali del contribuente, comunicati tramite la nuova modulistica al debutto quest’anno.

Il tutto, confluirà nel software integrato all’applicativo web Il tuo ISA, a partire dal 15 giugno: il contribuente potrà ottenere in questo modo la proposta personalizzata di base imponibile per le tasse 2024/2025.

Come compilare il Modello CPB 24/25

La compilazione del Modello CPB 24/25 è semplice: prevede l’inserimento di un numero limitato di informazioni e serve a certificare il possesso dei requisiti e ad esprimere l’adesione al concordato preventivo biennale.

Indicazione dei requisiti

La prima parte è dedicata ai requisiti di accesso e all’assenza di cause di esclusione.

Barrando:

  • il rigo P01 il contribuente dichiara di non avere debiti tributari o previdenziali superiore a 5mila euro;
  • il rigo P02 certifica l’assenza della cause di esclusione ovvero: mancata presentazione della dichiarazione dei redditi in almeno uno degli ultimi tre anni, o una serie di condanne civili e penali che in base alla norma non consentono di applicare questo strumento;
  • il rigo P03 riporterà il codice relativo di eventuali eventi straordinari (da individuare con decreto ministeriale).

Indicazione dei dati contabili

In questa sezione si indica il reddito del contribuente.

Nel rigo P04 si inseriscono il reddito di impresa o da lavoro autonomo e nel rigo P05 la produzione netta ai fini IRAP.

Indicazione dell’imponibile

I successivi quattro righi riguardano la proposta di concordato preventivo biennale, quindi gli imponibili sui quali si calcoleranno le tasse da pagare nel 2024 e 2025. Che riguardano esclusivamente l’attività ordinaria, escludendo plusvalenze, minusvalenze, sopravvenienze, determinate tipologie di partecipazioni azionarie o societarie.

Infine, barrando la casella del rigo P10, che indica la volontà di accettare la proposta di concordato.

Come inviare il Modello CPB 24/25

Il modello andrà presentato nell’ambito della dichiarazione dei redditi, da coloro che intendono aderire alla proposta di concordato. Il Modello CPB è infatti parte integrante dei modelli ISA, e dunque del Modello Redditi 2024.

Il modello si invia dunque telematicamente, unitamente alla dichiarazione dei redditi.

Le specifiche tecniche per la trasmissione dell’elaborazione della proposta di concordato preventivo biennale e della relativa accettazione, da dichiarare con i modelli Redditi 2024, sono contenute nel provvedimento del 28 febbraio.

I contribuenti, che utilizzano l’applicativo Redditi OnLine, possono effettuare l’importazione, nel software Il tuo ISA, dei dati indicati nei modelli Redditi.