Tratto dallo speciale:

Nuova Sabatini, modulistica semplificata

di Barbara Weisz

scritto il

Il Ministero semplifica le domande per i finanziamenti agevolati della nuova Sabatini e aggiorna l'elenco dei software ammissibile con le novità della manovra 2018: la circolare.

I nuovi software ammessi all’agevolazione e una semplificazione alla documentazione da allegare alle domande per la Nuova Sabatini: il Ministero dello Sviluppo Economico chiarisce con una circolare (n. 26210/2018) nuovi dettagli sulle richieste da parte delle imprese di ottenere l’incentivo fiscale alle PMI che investono in nuovi macchinari. Innanzitutto, la prassi recepisce le novità introdotte con la manovra 2018 (comma 32, legge 205/2017).

Nuova Sabatini

La Nuova Sabatini, prevede la concessione alle piccole e medie imprese di un finanziamento a tasso agevolato e di un contributo per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature. Il finanziamento è compreso fra i 20mila e i 2 milioni di euro e dura fino a cinque anni. Il contributo ministeriale è pari agli interessi, calcolati a un tasso del 2,75% per gli investimenti ordinari e pari 3,575% quelli digitali riconducibili al Piano Nazionale Industria 4.0. La circolare ministeriale del 15 febbraio 2017 dettaglia l’applicazione della Nuova Sabatini rispetto ai beni materiali (i macchinari) e immateriali (i software) legati al Piano Industria 4.0.

Software finanziabili

La manovra 2018 ha potenziato i software aggiungendo i seguenti investimenti ammissibili:

  • sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’e-commerce;
  • software e servizi digitali per la fruizione immersiva, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3D, realtà aumentata;
  • software, piattaforme e applicazioni per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-fabbrica, fabbrica-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field).

Sono quindi in tutto 24 i beni immateriali agevolati, compresi nell’allegato 6/B pubblicato sul sito del ministero, mentre restano inalterati i beni materiali compresi nell’allegato 6/A alla circolare del febbraio 2017. Per quanto riguarda il punto sulle risorse, l’importo ancora disponibile a fine luglio era pari a 174 milioni 573mila 987 euro.

Adempimenti semplificati

Il Ministero ora semplifica gli adempimenti per le imprese, rinnovando completamente la modulistica. Sono pubblicati sul sito i nuovi moduli per domanda, dichiarazione ultimazione investimento, richiesta erogazione prima quota contributi, richiesta erogazione dei contributi, ripartizione importi finanziamento, interconnessione e integrazione dei macchinari 4.0 inclusi nell’allegato 6/A.

Controlli sulle imprese

Infine, viene introdotta una nuova norma sui controlli, in base alla quale il Ministero provvede periodicamente a definire un campione di imprese da sottoporre a controllo per verificare la veridicità delle dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà rilasciate in fase di richiesta di erogazione.