Tassazione rendite finanziarie: gli obiettivi del governo Renzi

di Nicola Santangelo

Pubblicato 5 Marzo 2014
Aggiornato 7 Febbraio 2023 12:24

Il nuovo Governo guidato da Matteo Renzi ha preso il via. Fin dalla presentazione del suo Jobs Act, il premier ha manifestato l’intenzione di ridurre l’Irap e le tasse sui lavoratori dipendenti. Programma ambizioso se non fosse per un neo non indifferente. Il primo ministro ha, infatti, intenzione di utilizzare, quale bancomat per coprire il taglio delle tasse, i risparmi degli italiani.

=> Lavoro: il Jobs Act non basta

La caccia ai capitali è spietata e la copertura necessaria. Per questo non si usano mezzi termini nel comunicare che a causa delle minori entrate derivanti dalla riduzione dell’Irpef e dell’Irap verranno introdotte nuove tassazioni sui Bot e sugli altri titoli. Esemplificando, si andranno a toccare i risparmi degli italiani.

=> Aumento rendite finanziarie, Renzi favorevole

Il quadro di Renzi, in tema di risparmio, è abbastanza articolato e complesso: si vuole rimodulare la tassazione sulle rendite finanziarie grazie alla quale si punterà  prevalentemente a chi effettua operazioni di tipo speculativo come ad esempio le operazioni intraday, tipologia di operazioni aperte e chiuse in giornata con il solo scopo di conseguire lauti guadagni.

E’ prevista, inoltre, una rimodulazione delle aliquote fiscali dei Titoli di Stato, dall’attuale tassazione al 12,50% si potrebbe arrivare al 20%, oppure potrebbero essere definite aliquote variabili in funzione della durata dell’investimento, del tipo di sottoscrittore e del fine ultimo dell’investimento. In effetti, se confrontiamo la tassazione sulle rendite finanziarie con quella sui redditi di lavoro dipendente, la differenza è davvero rilevante. Ma ricordiamoci, però, che sugli investimenti finanziari gravano anche l’imposta di bollo, le commissioni bancarie e, sulle azioni, la Tobin Tax.

=> Tasse sulle rendite finanziarie, Italia nel confronto europeo

Quello su cui intende muoversi il nuovo esecutivo è un terreno minato. Il rischio concreto è quello di gravare duramente sui piccoli risparmiatori e scoraggiare gli investitori con gravi riflessi sull’economia del Paese.