ISTAT: cresce occupazione rosa, ma non al Sud

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

L'ISTAT rivela come negli ultimi 16 anni sia aumentata l'occupazione femminile in Italia. Una crescita che non riguarda però le donne del Sud, e che non basta a risollevarci dagli ultimi posti in Europa

Cresce l’occupazione femminile in Italia ma non nel Mezzogiorno: solo il 12,1% (218mila) delle 1.792.000 occupate in più tra il 1993 e il 2009 risiede in una regione del Sud. Negli ultimi 16 anni, quindi, mentre nel Paese si creavano 100mila nuovi posti rosa l’anno, nel Sud e Isole la cifra si assestava a quota 13.600 lavoratrici.

Lo rivelano i dati sul mercato del lavoro femminile appena presentati dall’ISTAT in audizione in Commissione lavoro al Senato.

Nonostante la crescita generale, la percentuale (46,1%) di occupazione femminile in Italia è tra le più basse in Europa, dove la media è più alta di almeno 12 punti.

Al Mezzogiorno il tasso di occupazione scende fino al 30,8%, mentre al Nord-Ovest è del 55,6%, e al Nord-Est del 56,9%.

Naturalmente l’attuale crisi economica non ha fatto che peggiorare la situazione, colpendo di più le lavoratrici donne rispetto ai colleghi uomini. Nel terzo trimestre del 2009 l’occupazione femminile dipendente è crollata del -10,5%, contro il -4,2% di quella maschile .

Cala anche il tasso di occupazione di dipendenti a termine, collaboratrici, autonome e addirittura le occupate a tempo indeterminato. Cresce invece il tasso di inattività femminile arrivando nel terzo trimestre 2009 al 64,2%, contro il 63% dello stesso periodo del 2008.

A non rendere particolarmente favorevole l’occupazione femminile in Italia vi sarebbero in primo luogo i retaggi culturali del Paese, secondo i quali è ancora l’uomo a ricoprire un ruolo centrale nel sostentamento economico della famiglia, mentre alla donna competono soprattutto le attività domestiche e di cura della casa e dei figli.

Ancora troppo poco diffuso e troppo poco accessibile, inoltre, il lavoro part-time, che nei paesi esteri permette a molte donne di conciliare entrambi gli aspetti (lavoro-famiglia).

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro