SIISL: come iscriversi al Sistema informativo inclusione sociale e lavorativa

di Anna Fabi

Pubblicato 17 Maggio 2023
Aggiornato 19 Dicembre 2023 20:22

Da RdC ad Assegno di Inclusione dal 1° gennaio 2024: guida al portale SIISL per le offerte di lavoro ed il monitoraggio dei corsi di formazione.

L’articolo 5 del Decreto Lavoro (DL 48/2023), che dispone la riforma del Reddito di Cittadinanza sostituito dall’Assegno di Inclusione e dal Supporto per la formazione e il lavoro, istituisce il Sistema Informativo per l’Inclusione Sociale e Lavorativa (SIISL), ossia la nuova piattaforma volta a favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro in Italia nell’ambito dei programmi che prevedono anche un sostegno economico.

Il portale faciliterà anche  la comunicazione tra Regioni, Comuni, Agenzie per il lavoro e Ministeri, grazie alla condivisione delle banche dati. Vediamo come funziona.

Beneficiari del sistema di inclusione

Il SIISL punta a sostenere l’autonomia nella ricerca di lavoro e il potenziamento delle competenze dei suoi utenti.

In particolare, è destinato ai beneficiari del nuovo “Assegno di Inclusione“, che dal 1° gennaio 2024 sostituirà il RdC.

Ai soggetti occupabili ammessi al nuovo Assegno ed a quelli esclusi per mancanza dei requisiti familiari, è rivolta una seconda misura, di natura personale: il Supporto per la formazione e il lavoro, attivo dal 1° settembre 2023.

Gli interessati potranno accedere a informazioni e proposte su offerte di lavoro, corsi di formazione, tirocini e progetti di utilità collettiva, oltre ad altri strumenti di politica attiva.

Come iscriversi al portale SIISL

Per accedere al SIISL, gli utenti dovranno presentare una domanda telematica all’INPS. Dopo il controllo dei requisiti, sarà possibile iscriversi alla piattaforma autonomamente o tramite un Centro per l’Impiego o un Caf.

L’iscrizione prevede:

  • la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID);
  • l’autorizzazione alla trasmissione dei propri dati.

Come ottenere il sussidio

Dopo essersi iscritti, gli utenti dovranno:

  • sottoscrivere il patto di attivazione digitale, che consente la connessione tra le varie banche dati e indirizza i soggetti verso le opportunità lavorative e le politiche attive;
  • presentarsi entro 120 giorni dalla data di sottoscrizione presso i servizi sociali o CPI;
  • seguire un percorso personalizzato di inclusione sociale;
  • confermare ogni 90 giorni il servizio al quale si è rivolto.

Il sussidio sarà erogato dal mese successivo a quello di sottoscrizione del patto di attivazione digitale.

Il sistema permetterà di monitorare la frequenza dei corsi di formazione e di aggiornare il profilo personale del soggetto al termine di un progetto o corso di formazione.