Tratto dallo speciale:

Part-time e calcolo pensione

di Redazione PMI.it

scritto il

Cosa prevede la normativa in tema di lavoro part-time, con riferimento al calcolo dell'età pensionabile e all'ammontare dell'assegno previdenziale.

Il ricorso al lavoro part-time rappresenta per molti lavoratori il giusto compromesso per riuscire a conciliare i tempi di lavoro e vita privata. A volte questa scelta viene fatta verso la fine della carriera lavorativa, in preparazione della pensione. Per i datori di lavoro il vantaggio è di riuscire a disporre della forza lavoro necessaria, a costi ridotti.

Ai fini previdenziali, tuttavia, il contratto part-time ha un’incidenza sulla misura dell’assegno previdenziale che bisogna tenere presente, soprattutto se si sta valutando questa opzione, rispetto al full-time. In particolare lo svolgimento del lavoro part-time non sempre determina un allungamento dell’età pensionabile, ma la minore contribuzione incide sempre sulla misura della pensione.

=> Finestre mobili: come slittano la pensioni anzianità e vecchiaia

Misura della pensione

La retribuzione percepita con il part-time è ovviamente inferiore di quella che si percepirebbe per lo stesso lavoro, svolgendolo full-time. Questo ha un ovvio impatto sull’importo della pensione futura, soprattutto per la parte calcolata con il sistema contributivo.

La pensione contributiva si ottiene, infatti, moltiplicando il montante contributivo individuale per il coefficiente di trasformazione. Per il part time il montante contributivo è pari al 33% della retribuzione, quindi notevolmente inferiore a quella del part-time. Ricordiamo che per chi è entrato nel mondo del lavoro dopo il 1995 la pensione viene calcolata con il sistema contributivo puro.

Diversamente, l’eventuale parte dell’assegno determinata con il sistema retributivo non viene svalutata, anche se si sceglie di svolgere gli ultimi periodi di lavoro pre-pensione in modalità part-time. Anche nel pubblico impiego, per la determinazione delle quote retributive di pensione, si continua ad utilizzare il valore della retribuzione teoricamente prevista per il rapporto di lavoro a tempo pieno.

Età pensionabile

Per quanto riguarda il raggiungimento dell’età pensionabile, nel settore privato i periodi di tempo svolti in part-time (orizzontale o verticale) vengono conteggiati al pari di quelli svolti in full-time a condizione che sia stato rispettato il minimale INPS per il lavoro dipendente (circa 205 euro settimanali), ai sensi dell’articolo 7 del Dl 463/1983.

=> Tutti i modi andare in pensione nel 2019

Nel settore pubblico viene meno questo vincolo, ai sensi dell’articolo 8, comma 2, della legge n. 554 del 1988 secondo il quale, ai fini dell’acquisizione del diritto alla pensione e del diritto all’indennità di fine servizio, gli anni di servizio ad orario ridotto sono da considerarsi sempre utili per intero.

Coloro che sono entrati o entreranno nel mondo del lavoro dopo il 1995 devono inoltre valutare il fatto che questo sistema richiede, per l’accesso alla pensione di vecchiaia, che l’assegno previdenziale sia pari ad almeno 1,5 volte il valore dell’assegno sociale (circa 650 euro al mese). Soglia per raggiungere la quale, in caso di lavoro part-time, potrebbe essere necessario allungare la carriera lavorativa.

=> In pensione a 70 anni: il requisito trappola

Al raggiungimento di 70 anni di età è invece possibile uscire al mondo del lavoro a prescindere dall’importo soglia.