Tratto dallo speciale:

Pmi: internazionalizzazione e innovazione per uscire dalla crisi

di Fabrizio Scatena

scritto il

La Commissione europea ha pubblicato uno Studio sul grado di internazionalizzazione delle Pmi della Ue, condotto su un campione di9.480 piccole e medie imprese in 33 paesi europei, che offre utili linee guida per migliorare le politiche aziendali a livello internazionale.

Le attività  che permettono alle imprese di tessere relazioni commerciali proficue con partner stranieri sono: export, import, investimenti diretti all’estero, cooperazione tecnica internazionale e subcontracting internazionale.

Secondo la ricerca le Pmi attive a livello internazionale registrano un tasso di crescita dell’occupazione del 7%, contro un l’1 per cento delle Pmi inattive a livello internazionale.

Forte è la correlazione tra internazionalizzazione e innovazione, un dato che fa riflettere sull’opportunità  di sviluppare business innovativi confrontandosi con soggetti esteri.

La quota di Pmi internazionali più elevata è presente nel commercio all’ingrosso, nelle attività  estrattive e manifatturiere e nella vendita di autoveicoli.

Mentre nei servizi, è la “ricerca” che ha fatto registrare un dato elevato, a dimostrazione che i comportamenti volti all’innovazione favoriscono anche la tessitura dei rapporti internazionali.

Puntare sull’innovazione e sull’internazionalizzazione, potrebbe essere una strategia vincente per fuoriuscire dall’attuale crisi internazionali, in cui le Pmi, come dimostrato dai dati, giocano un ruolo fondamentale.