Piano casa e risparmio energetico: novità dalle Entrate

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Emanati tre nuovi provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate su: lavori di ampliamento del Piano Casa, bonus ristrutturazioni e risparmio energetico.

I due bonus del Piano Casa sono validi anche per attività di ampliamento, secondo le linee guida specificate per le ristrutturazioni: parliamo delle detrazioni 36% e 55%, cui fa riferimento la recente risoluzione 4/E dell’Agenzia delle Entrate, che fornisce chiarimenti sull’argomento.

La risoluzione 2/E precisa ora che la ritenuta di acconto del 10% sui bonifici disposti per i bonus ristrutturazioni e risparmio energetico può essere trasferita alle singole imprese.

Questo, una volta azzerato l’eventuale debito Ires e se tale scelta è contenuta in un atto formale, come ad esempio un verbale del Consiglio di amministrazione.

Rimanendo sugli aspetti legati alla ritenuta di acconto, l’Agenzia delle Entrate ha emanato la risoluzione 3/E in cui si specifica che tale imposta non deve essere versata necessariamente tramite bonifico bancario in caso di oneri di urbanizzazione presso i Comuni. Inoltre, sempre per evitare che i Comuni a loro volta subiscano la ritenuta del 10%, qualora fosse comunque necessario il pagamento tramite bonifico, occorrerà indicare espressamente il comune destinatario e nella causale che si tratta di oneri di urbanizzazione.

Pertanto dovrà essere evidente che non si tratta di interventi di recupero del patrimonio edilizio o risparmio energetico, ma con un modulo disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate stessa.

Ricordiamo che, indicato dalle circolari 57/E e 121/E del 1998, l’ampliamento di superfici è detraibile se riguarda la costruzione dei servizi igienici.

Articoli correlati

Documenti correlati: