Fondi UE in scadenza nel 2015

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Fondi europei, l'Italia deve utilizzare entro la fine del 2015 ben 12 miliardi di euro: l'analisi della CGIA Mestre.

Sono in scadenza i Fondi UE destinati al nostro Paese: l’Italia deve utilizzare entro la fine del 2015 ben 12 miliardi di euro che non ha ancora speso, tra risorse europee e nazionali. Ad evidenziarlo è uno studio della CGIA Mestre, secondo il quale l’Italia ha utilizzato 35,4 miliardi di euro dei 47,3 messi a disposizione dai fondi strutturali europei, la maggior parte dei quali fa parte della Programmazione 2007-2013.

=> Fondi europei: bandi e istruzioni

La CGIA Mestre sottolinea inoltre che l’incidenza dei finanziamenti europei utilizzati fino ad ora sul totale dei contributi assegnati, compreso il cofinanziamento nazionale, ha raggiunto il 74,8%. Il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi, fa notare:

«Per non perdere 12 miliardi di fondi europei e nazionali dovremo spenderli e rendicontarli entro la fine del 2015, scadenza che difficilmente l’UE prorogherà. Alla luce del fatto che nel 2013 abbiamo rendicontato 5,7 miliardi e nel 2014 attorno ai 7,5 appare difficile che nei pochi mesi che rimangono alla fine di quest’anno riusciremo a spendere e a contabilizzare tutta questa dozzina di miliardi».

=> Finanziamenti europei 2015: le novità

Dal punto di vista dei contributi finanziari netti destinati allo sviluppo da parte dei Paesi UE, nel periodo 2007-2013 l’Italia ha versato 109,7 miliardi di euro e ne ha ricevuti 71,8 attraverso i programmi comunitari. Dunque il saldo per l’Italia risulta negativo di 37,8 miliardi di euro. A contribuire più di noi ci sono solo Germania (con una differenza tra le risorse versate all’Unione e quelle accreditate pari a 83,5 miliardi di euro), Regno Unito (48,8 miliardi) e Francia (46,5 miliardi).

Considerando invece come parametro di riferimento il dato pro-capite, sono i Paesi nordici a guidare la graduatoria e più in particolare:

  • il Belgio, con 1.714 euro;
  • i Paesi Bassi con 1.569 euro;
  • la Danimarca con 1.346 euro;
  • la Svezia con 1.195 euro;
  • la Germania con 1.034 euro;
  • il Lussemburgo con 997 euro;
  • il Regno Unito con 759 euro;
  • la Francia con 707 euro;
  • la Finlandia con 689 euro;
  • l’Austria con 674 euro;
  • l’Italia con 623 euro;
  • Cipro con 197 euro.

Tutti i rimanenti 17 Paesi hanno ottenuto più di quanto hanno versato a Bruxelles. (Fonte: CGIA Mestre).

I Video di PMI

Nuove imprese a tasso zero: finanziamenti per donne e giovani