Tratto dallo speciale:

Internazionalizzazione PMI: bando UE per i Cluster

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Promuovere i cluster di imprese per spingere l'internazionalizzazione delle PMI europee è lo scopo del bando UE: ecco come partecipare.

Con un plafond totale di 350 milioni di euro l’UE punta a promuovere l’internazionalizzazione delle PMI che si organizzano in cluster (aggregazioni) di imprese. Il bando è stato aperto nell’ambito del Programma quadro per la competitività e l’innovazione 2007–2013 (CIP).

=> Leggi tutti gli incentivi all’internazionalizzazione

L’obiettivo dell’appalto è di dare sostegno alle aziende che intendano cogliere le moderne sfide della società quali la riduzione delle emissioni di CO2, il miglioramento dell’efficienza delle risorse e la protezione dell’ambiente, premiando le imprese che sappiano coniugare al meglio forme di creatività e nuove tecnologie.

=> Scopri i contributi ai consorzi per l’internazionalizzazione

Un modo per creare nuove opportunità di business e sostenere una crescita intelligente e sostenibile sui mercati internazionali e lo sviluppo delle industrie emergenti.

I cluster sono uno strumento utile per la crescita delle PMI a livello globale perché consentono loro di creare una interconnessione tra imprese, fornitori e istituzioni con le quali sostenersi reciprocamente per competere e cogliere opportunità del tutto nuove.

=> Leggi della Rete Sportelli per l’Internazionalizzazione

Le attività che il bando UE intende promuovere sono quelle con un alto potenziale di innovazioni radicali derivanti da collaborazioni intersettoriali, che dimostreranno di poter avere un impatto sistemico.

Le domande di partecipazione ala bando dovranno essere inviate entro il 30 aprile 2013.

Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale della Commissione europea

__________________

* Immagine Shuttershok

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no