Fondo di Garanzia prima casa, finanziati i mutui 2014-2016

di Barbara Weisz

scritto il

Operativo il Fondo di Garanzia per la prima casa per i mutui agevolati ai giovani under 35: condizioni del finanziamento, requisiti e normativa di riferimento.

Finanziato per il triennio 2014-2016 il Fondo di Garanzia per la prima casa, con una somma totale di 200 milioni di euro: il decreto attuativo è stato firmato dal ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, lo scorso 4 agosto. Si tratta del Fondo istituito dal Dm 256/2010, che da questo 2014 – in virtù dell’articolo 6 del Dl 102/2013 – ha ampliato il suo raggio d’azione ai giovani sotto i 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico. Ecco quali sono le altre categorie di aventi diritto: coppie coniugate o nuclei familiari anche monogenitoriali con figli minori. Il requisito di età (under 35) deve essere sempre soddisfatto da entrambi i coniugi o componenti del nucleo familiare. In più, bisogna avere un reddito ISEE non superiore a 40mila euro e non essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo.

=> Vai allo Speciale Mutui

Requisiti

Il mutuo può essere concesso per acquisto, ristrutturazione o accrescimento dell’efficienza energetica della prima casa, che però deve essere di dimensione non superiore ai 95mila metri quadri e non rientrare nelle categorie catastali delle abitazioni di lusso, quindi A1 (case signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).

Mutuo agevolato

La garanzia del fondo vale per un massimo del 50% della quota capitale sul finanziamento concesso e può arrivare a un massimo di 200mila euro, il tasso è stabilito dalla banca ma deve rientrare entro i parametri fissati dallo specifico accordo firmato dall’ABI. Per chiederlo, bisogna compilare i moduli dedicati a questa tipologie di mutui agevolati (scarica il modulo) e recarsi presso una delle banche convenzionate.

Banche convenzionate

  • Banca Credito Cooperativo di Cambiano
  • Banca Padovana Credito Cooperativo S.C.
  • Banca di Credito Cooperativo Valpolicello Benaco
  • Cassa Rurale Rabbi e Caldes Banca di Credito Cooperativo
  • Centromarca Banca Credito Cooperativo Società Cooperativa
  • BCC Banca di Credito Cooperativo di Pergola
  • Banca di Ancona Credito Cooperativo
  • Banca di Credito Cooperativo ROMAGNA EST
  • Cassa Rurale ed Artigiana di BRENDOLA
  • Banca di Credito Cooperativo GAMBATESA
  • Banca di Credito Cooperativo di Cherasco
  • Banca di Credito Cooperativo Orobica
  • Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A
  • Banca Cremasca Credito Cooperativo
  • Banco di Credito Cooperativo “San Michele”
  • Banco di Credito Cooperativo di Monterenzio
  • Cereabanca 1897
  • Banco di Credito Cooperativo di Fano
  • Cassa di Risparmio di Cesena
  • Banca Popolare “S. Angelo”
  • Banca di Credito Cooperativo di Sant’Elena
  • Banca di Credito Cooperativo Vignole e della Montagna Pistoiese
  • Monte dei Paschi di Siena
  • Banca di Credito Cooperativo del Metauro
  • Banca Veronese
  • Banca Popolare di Puglia e Basilicata
  • Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale Società Cooperativa
  • Cassa di Risparmio di Cento
  • Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C.

Attenzione: si tratta di mutui diversi da quelli, sempre agevolati, previsti dal cosiddetto Plafond Casa per giovani coppie per l’acquisto e la riqualificazione energetica dei immobili ad uso abitativo. Anche in questo caso la norma di riferimento è il Dl 102/2013, articolo 6, comma 1. C’è un’altra convenzione ABI – CdP (cassa depositi e prestiti), i mutui sono concessi a giovani coppie (non necessariamente sposate), a famiglie numerose o con soggetto disabile, sono partiti dal gennaio 2014, arrivano a un massimo di 250mila euro per l’acquisto di una casa o di 100mila euro per la ristrutturazione, cumulabili.

=> Mutui agevolati prima casa, al via il Plafond Casa

I Video di PMI