Mutui: domanda, tassi e offerte di luglio

di Redazione PMI.it

scritto il

Cala per la prima volta da 35 mesi la domanda di mutui in giugno, prezzi e tassi sempre più convenienti: andamento mercato e migliori offerte per tipologia di mutuo.

Diminuisce per la prima volta da tre anni la domanda di mutui in Italia, pur davanti a offerte sempre più vantaggiose sul fronte dei tassi: il mese di giugno chiude con un calo del 5%, completando una parabola discendente iniziata nei mesi precedenti, che pur avevano mantenuto il segno positivo (+9% in aprile, +3% in maggio). I dati sono di Bussola Mutui, mentre in base alla consueta indagine di Bankitalia (che in realtà continua a rilevare una ripresa del mercato anche sul fronte della domanda, ma con dati che si riferiscono al mese di maggio), a giugno il tasso d’interesse sui mutui per acquisto di abitazioni è sceso a un minimo storico, al 2,21% contro il 2,25% di maggio e il 5,72% di fine 2007, prima della crisi.

=> Brexit: effetti sui mutui

In calo anche il prezzo degli immobili oggetto di operazioni di compravendita tramite mutuo: sempre secondo i dati Bussola Mutui, il secondo trimestre 2016 ha visto prezzi al mq in calo del 4,2%, con una contrazione più consistente per l’usato, -5,9%, mentre i nuovi immobili costano l’1,3% in meno. E’ ancora presto per capir se la contrazione della domanda (la prima da 35 mesi) sia un fatto isolata oppure proseguirà nei prossimi mesi. In base al Bollettino Statistico della Banca d’Italia, da aprile 2015 a marzo 2016 il numero di mutui casa è parecchio salito: 45,1 miliardi di euro in valore, con un aumento dei volumi pari a +73,4%.

=> Detrazioni casa trainano mercato immobiliare

Vediamo quali sono in questo momento le offerte più convenienti per chi sta pensando di acquistare casa accendendo un mutuo, secondo Mutuionline.it. Ecco i mutui più convenienti alla data del 21 luglio per un impiegato milanese di 35 anni, con uno stipendio di 1.800 euro al mese, di una casa da 200mila euro chiedendo un finanziamento di 150mila euro per 25 anni. Partiamo dal tasso variabile in filiale:

  • Banca Popolare Commercio e Industria, Gruppo UBI: Mutuo Tasso Variabile Sempre Light, che propone una rata mensile di 582,45 euro a un Tan dell’1,25% e Taeg 1,33%. Le spese di istruttoria sono 950 euro e quelle di perizia 275 euro.
  • Bancadinamica: Mutuo Bancadinamica, rata mensile di 582,65 euro al Tasso Variabile dell’1,25% e Taeg 1,34%. Le spese iniziali di istruttoria sono di 750,00 euro e quelle di perizia di 275 euro. Il mutuo è concesso fino al compimento degli 80 anni del titolare alla scadenza del finanziamento. Per l’erogazione del mutuo è necessario essere titolari di un Conto Bancadinamica.

Tasso variabile online:

  • Iw Bank Private Investiments: Mutuo a Tasso Variabile SempreLight,  rata mensile è di 582,45 euro al Tasso Variabile dell’1,25% e Taeg 1,27%. In questo caso le spese di istruttoria sono di 950 euro e quelle di perizia sono pari a zero.
  • WeBank!: Mutuo Variabile propone una rata di 589,31 euro mensile al Tasso Variabile dell’1,35% e Taeg 1,38%. Non sono previste spese di istruttoria e di perizia.

Tasso fisso in filiale:

  • Intesa Sanpaolo: Mutuo Domus Fisso, rata mensile di 654,20 euro al Tasso Fisso del 2,25% e Taeg 2,43%, spese di istruttoria 700 euro, perizia 320 euro.
  • Cariparma – Credit Agricole: Gran Mutuo Casa Semplice, rata mensile è di 660,90 euro al Tasso Fisso del 2,34% e Taeg 2,46%. Le spese di istruttoria sono di 500 euro e di perizia 300 euro.

Tasso fisso online:

  • Iw Bank Private Investments: Mutuo a Tasso Fisso, rata di 657,92 euro al Tasso Fisso del 2,30% e Taeg 2,43%. Le spese di istruttoria sono di 950 euro; non sono previste spese di perizia.
  • Hello Bank!: Hello! Home Fisso, rata di 661,65 euro al Tasso Fisso del 2,35% e Taeg 2,47%, spese di istruttoria 200 euro, perizia 300 euro.

I Video di PMI

Resto al Sud per giovani imprenditori