Finanziamenti a tasso zero: più beneficiari per la Nuova Marcora

di Redazione PMI.it

scritto il

Workers Buyout e Nuova Marcora: estesi i beneficiari dei finanziamenti a tasso zero per lavoratori che subentrano nella gestione di aziende in crisi.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del MiSE che definisce le modalità di finanziamento per le cooperative di lavoratori che subentrano nella gestione delle aziende in crisi. Il testo introduce alcune novità, ampliando anche la platea dei beneficiari delle risorse, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2022.

Il decreto stabilisce che i finanziamenti a tasso zero rivolti alle cooperative grazie alla Nuova Marcora possono essere concessi anche alle piccole imprese in forma di società cooperative che intendono operare il “Workers Buyout“, vale a dire il subentro nella gestione dell’impresa.

Le agevolazioni possono essere concesse, alternativamente, per la realizzazione di programmi di investimento non ancora avviati o per esigenze di liquidità aziendale, direttamente finalizzate all’attività di impresa.

I finanziamenti non devono avere durata inferiore a tre anni e superiore a dodici anni, comprensivi di un periodo di preammortamento massimo di tre anni. L’importo non deve superare sette volte il valore della partecipazione detenuta dalla società finanziaria nella cooperativa beneficiaria. Le risorse, infine, possono essere utilizzate per la realizzazione di programmi di investimento non ancora avviati alla data di presentazione della richiesta di finanziamento e per coprire esigenze di liquidità aziendale, direttamente finalizzate all’attività di impresa.

Le nuove consizioni si applicano alle richieste di finanziamento agevolato presentate dal 4 aprile 2022, data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto MiSE (Modalità e criteri per la concessione, l’erogazione e il rimborso di finanziamenti in favore di piccole imprese in forma di società cooperative costituite da lavoratori provenienti da aziende i cui titolari intendano trasferire le stesse, in cessione o affitto, ai lavoratori medesimi).