Futurae: sostegno alle imprese migranti

di Redazione PMI.it

scritto il

Iniziative camerali per formare e accompagnare nei primi passi gli aspiranti imprenditori migranti: al via il progetto Futurae.

Sono 18 le province italiane coinvolte nel progetto Futurae, iniziativa promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e da Unioncamere per formare e accompagnare nei primi passi l’imprenditoria migrante.

Le Camere di Commercio che partecipano all’iniziativa sono: Biella Vercelli, Torino, Como Lecco, Milano Monza e Brianza, Pavia, Padova, Venezia Rovigo, Verona, Modena, Reggio Emilia, Roma e Caserta, Bari e Cosenza.

Gli enti potranno inserire un’ampia platea di aspiranti imprenditori – composta da migranti, seconde generazioni e cittadini dell’Unione Europea – in percorsi di orientamento e di valutazione della propensione imprenditoriale. Al termine del percorso, una parte dei destinatari accederà a iniziative di accrescimento delle competenze tecniche, organizzative, commerciali e normative.

Gli aspiranti imprenditori saranno anche affiancati nello sviluppo dei business plan, nell’individuazione di canali di finanziamento e nell’accesso al credito. I progetti ritenuti più sostenibili, infine, saranno accompagnati nell’iter di startup per creare nuove aziende a titolarità migrante o mista.

=> Il Business Plan: un modello da personalizzare

Diventa operativo, inoltre, un Osservatorio nazionale sull’inclusione socio-economica e finanziaria che elaborerà i dati già in possesso delle Camere di Commercio, realizzando anche ulteriori indagini a livello nazionale.

Stando alle cifre rese note da Unioncamere-InfoCamere, le imprese migranti allo stato attuale sono oltre 621 mila, il 10% delle imprese registrate in Italia. I Paesi d’origine più rappresentati sono Marocco, Cina e Romania.

Oggi ci confrontiamo con imponenti flussi migratori e vale allora la pena ricordare che, oltre alle politiche di accoglienza, vanno messi in campo strumenti e politiche di integrazione a basso costo per il nostro Paese – commenta il Presidente di Unioncamere, Carlo Sangalli -.

Ancora di più oggi, che ci confrontiamo con i problemi connessi all’emergenza sanitaria. Tra queste azioni, quelle di supporto all’avvio dell’attività imprenditoriale, in cui le Camere di Commercio giocano un ruolo importante a favore di quanti vogliono trasformare una buona intuizione in un progetto di vita e di lavoro.

I Video di PMI

Diventare imprenditore con indennità NASpI