Finanziamenti a tasso zero per giovani imprenditori

di LavoroImpresa

scritto il

FinanziamentiUn finanziamento per tutti i giovani imprenditori under 30 che intendono avviare un’attività d’impresa. E’ previsto un credito agevolato a tasso zero a sostegno di chi avvia iniziative di autoimpiego ed autoimprenditorialità. Il contributo, fino ad un massimo di 50.000 euro, si chiama SELFIEmployment ed un fondo rotativo che finanzierà le proposte di 4.200 giovani.

=> Gestione Beni Culturali: contributi associazioni giovanili

Dalla metà del mese di gennaio 2016 sarà possibile richiedere e ottenere un prestito a tasso zero per un importo compreso tra 5.000 e 50.000 euro. L’incentivo è destinato ai giovani iscritti a Garanzia Giovani che avvieranno iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità. Si chiama SELFIEmployment ed è un Fondo Rotativo Nazionale promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e gestito da Invitalia, la cui dotazione finanziaria iniziale è pari a 124 milioni. Il finanziamento verrà erogato a tasso zero e senza dover presentare garanzie personali. Essendo uno strumento finanziario rotativo, il fondo, grazie alle restituzioni dei prestiti concessi, sarà utilizzabile per l’intero periodo di Programmazione 2014-2020.

Il SELFIEmployment andrà ad aggiungersi ai già disponibili incentivi all’imprenditorialità dei giovani, come ad esempio Smart&Start, che in 18 mesi ha agevolato la nascita di oltre 620 imprese innovative, e Nuove Imprese a Tasso Zero, che debutterà il prossimo 13 gennaio e che prevede finanziamenti fino a 1,5 milioni di euro. Il fondo SELFIEmployment va a convergere perfettamente con le agevolazioni esistenti perché, come chiarito dall’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri durante la conferenza stampa “è destinato a sostenere iniziative di microimpresa e lavoro autonomo, con impegni meno rilevanti”. Il Fondo nasce nell’ambito della policy prevista dal Programma Garanzia Giovani e prevede l’accesso al credito agevolato a complemento delle attività di supporto all’avvio di impresa e allo start-up, che sono state già avviate dalle regioni: al termine del percorso formativo e di accompagnamento, i giovani sono affiancati nella predisposizione del business plan per l’avvio di un’attività imprenditoriale. Le domande di finanziamento potranno essere presentate a partire dalla metà del mese di gennaio 2016. I prestiti avranno un importo variabile, da un minimo di 5.000 euro ad un massimo di 50.000 euro e verranno erogati a tasso di interesse zero, senza garanzie personali e con un piano di ammortamento della durata massima di sette anni.