Modello F24

Modello F24Il Modello F24 è un modulo fiscale con il quale è possibile effettuare il pagamento di molte imposte e tributi previsti dal nostro sistema economico, attraverso il ricorso ai relativi codici tributo. Una delle funzioni più importanti dell'F24 è quella di poter essere usato per compensare i crediti del contribuente rispetto ad ogni debito presente nel modello stesso. Questa particolarità si rivela molto utile, per esempio, per le aziende che possono in questo modo ridurre i pagamenti da effettuare senza dover aspettare il rimborso del credito vantato.

Dettaglio del modello

Il modello si compone di tre copie ed è diviso in sezioni: in alto vanno inseriti i dati del contribuente (anagrafica, codice fiscale e domicilio fiscale), nella seconda parte si devono compilare gli spazi dedicati ad ogni singolo ente cui va versato il tributo (Erario, INPS, Regioni, ICI/IMU, altri enti previdenziali). Il modello F24 è a schema aperto e in caso di nuovi pagamenti non ci sarà bisogno di cambiare modello.

Modalità di pagamento

Il pagamento tramite modello F24 può essere effettuato presso qualsiasi concessionario abilitato, in banca oppure presso gli uffici postali con le seguenti modalità:
  • Contanti;
  • Bancomat o Postamat;
  • Assegno bancario o postale a sé stessi.
A pagamento effettuato, una delle tre copie viene timbrata e restituita, le altre due restano allo sportello presso il quale si è effettuato il pagamento. A queste modalità più tradizionali va aggiunta la possibilità di effettuare i pagamenti tramite Modello F24 online, in particolare sono tenuti a questa regola gli appartenenti ad alcune categorie in possesso di Partita IVA secondo quanto stabilito dal Decreto Bersani.

Tipologia di Modello F24

Esistono cinque tipologie per il modello F24:
  1. F24 ordinario F24 ordinario;
  2. F24 accise, per il pagamento delle imposte su fabbricazione e vendita di prodotti;
  3. F24 EP, per i pagamenti verso gli Enti Pubblici;
  4. F24 Elementi Identificativi, per il pagamento di automobili da immatricolare che arrivano da altri Stati Membri della UE;
  5. F24 semplificato, solitamente usato per imposte erariali, regionali e di Enti Locali.

Successioni, codici tributo per F24

Successione d'impresa Modello F24 dal primo aprile 2016 anche per le tasse di successione: l'Agenzia delle Entrate ha istituito tutti i codici tributo da utilizzare. Sono contenuti nella risoluzione 16/E del 25 marzo in attuazione di un provvedimento di semplificazione (decreto Ministero delle Finanze 8 novembre 2011), che rende le pratiche per la dichiarazione di successione omogenee rispetto ad altri tributi, prevedendo cioè il versamento con il modello F24: fino alla fine 2016 sarà comunque possibile utilizzare anche il modello F23, che invece non potrà più essere usato a partire dal 2017. =>...

Codici tributo per le dichiarazioni 2016

Controlli fiscali Con a Risoluzione n. 11/E/”016, l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo da utilizzare per il versamento tramite modello F24 ed F24 EP delle somme dovute a seguito dei controlli fiscali automatici effettuati sulle dichiarazioni dei redditi e delle comunicazioni inviate ai sensi dell’art. 36-bis del D.P.R. n. 600/1973. Oltre ad istituire i nuovi codici tributo, con a stessa Risoluzione l'Agenzia ha anche rideterminato i codici tributo 962A, 963A e 964A. => F24: modello 2016, istruzioni per l'uso Auotoliquidazione di una quota Entrando nel dettaglio, i nuovi codici...

F24 telematico anche su InfoCamere

Pagamento Tasse Online I versamenti al Fisco avvengono tipicamente mediante modello F24, attraverso il ricorso ai codici tributo relativi all'imposta o tributo per il quale si sta effettuando il pagamento. Ora per i pagamenti mediante modello F24, grazie all’accordo tra l'Agenzia delle Entrate e l’Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica (AIIP), è disponibile un nuovo canale telematico. => F24: modello 2016, istruzioni per l'uso Il pagamento tramite modello F24, quindi, potrà essere effettuato presso qualsiasi concessionario abilitato, in banca oppure presso gli uffici...

Compensazione credito IRAP senza dipendenti

Fisco Istituito da parte dell'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 105/2015, il nuovo codice tributo denominato “IRAP – utilizzo in compensazione del credito d’imposta di cui all’articolo 1, comma 21, della legge 23 dicembre 2014, n. 190” da utilizzare per il credito d’imposta IRAP per i contribuenti senza dipendenti. => Credito di imposta: gli usi possibili Codice tributo Il codice tributo da utilizzare nel modello F24 per portare il compensazione il credito d’imposta previsto dell’art. 1, comma 21, Legge n.190/2014 è “3883” e sarà operativo a partire dal...

TASI: guida al calcolo online e compilazione F24

Calcolo TASI Saldo TASI: dopo aver verificato aliquote e detrazioni previste dalla delibera del Comune, il contribuente deve calcolare da sé l'ammontare della tassa sui servizi indivisibili, che per le prime case sostituisce l'IMU. Vediamo come fare utilizzando l'applicazione online di AmministrazioniComunali.it, ricordando che nei Comuni che non hanno emesso una nuova delibera in tempo utile, la TASI si paga entro il 16 dicembre come per l'acconto di giugno. => TASI 2015: guida al saldo per privati e imprese  Di seguito il tutorial per riempire, passo dopo passo, gli spazi necessari al...

Civis F24 per la modifica online dei modelli

Civis F24 Civis è il servizio online dell’Agenzia delle Entrate attraverso il quale richiedere assistenza sulle modalità di comunicazione di irregolarità e sugli avvisi telematici. Da oggi, il canale del Fisco si arricchisce di una nuova funzionalità: con Civis F24, infatti, modificare il modello di pagamento diventa semplice e veloce, vediamo come funziona. => F24: modello 2015, istruzioni per l'uso Guida alla richiesta Il servizio telematico Civis F24 permette di richiedere una o più modifiche dei dati della delega di pagamento modello F24. Per inviare la richiesta di modifica del...

Debiti fiscali: i nuovi codici tributo F24

Agenzia Entrate Cambiano i codici tributo da utilizzare nel modello F24 a fronte delle novità normative in tema di debiti fiscali. Con la Risoluzione n. 64/2015 l'Agenzia delle Entrate ha introdotto nove nuovi codici tributo e modificato quattro delle descrizioni per il recupero tramite ruolo, unitamente ai relativi interessi e sanzione, dell’addizionale su compensi erogati per bonus e stock options art. 33, comma 1, del D.L. n. 78/2010, del credito d’imposta per la promozione dell’agroalimentare italiano art. 1, comma 1088, della legge n. 296/2006, dell’imposta sostitutiva sui redditi diversi...

Modello 730: le novità sulle compensazioni

730 precompilato Novità 2015 per i contribuenti che in dichiarazione dei redditi decidono di portare in compensazione i crediti risultanti dal 730: il modello F24 non si può più presentare alla banca o all'ufficio postale ma va inviato direttamente all'Agenzia delle Entrate per via telematica. Si tratta, evidentemente, di un adempimento che riguarda sia chi presenta il 730 precompilato sia il modello 730 cartaceo. => F24 solo online: ecco le regole Quadro I: Compensazioni Nel modello 730 c'è un apposito quadro I dedicato alle imposte da compensare. La compilazione è semplice: si inserisce...

Documenti informatici: chiarimenti sull’imposta di bollo

Documenti informatici L'imposta di bollo sui documenti informatici emessi o utilizzati nel 2014 va pagata entro il 30 aprile: lo chiarisce l'Agenzia delle Entrate con l'Interpello 43/E del 28 aprile 2015, rispondendo a specifico quesito. Il dubbio riguarda il coordinamento fra le "vecchie" modalità di assolvimento dell'imposta, stabilite dal DM 23 gennaio 2004, quindi entro il mese di gennaio dell'anno successivo tramite modello F23 cartaceo, e quelle invece previste dal più recente DM del 17 giugno 2014, quindi entro 120 giorni dalla chiusura d'esercizio con modello F24. => Le nuove regole per i...

F24 precompilati per Artigiani e Commercianti

INPS Con il Messaggio n. 2776/2015 l’INPS ha comunicato la disponibilità online dei modelli F24 precompilati necessari per il versamento della contribuzione dovuta per l’anno 2015 dagli Artigiani e dagli Esercenti attività commerciali iscritti alla Gestione previdenziale, secondo le disposizioni di cui alla circolare n. 26 del 4 febbraio 2015. => Contributi agevolati Artigiani e Commercianti: istruzioni INPS Modelli F24 I modelli sono disponibili facendo accesso al Cassetto Previdenziale alla sezione Posizione assicurativa – Dati del modello F24 tramite PIN del soggetto titolare...

X
Se vuoi aggiornamenti su Modello F24

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy