Modello F24

Modello F24Il Modello F24 è un modulo fiscale con il quale è possibile effettuare il pagamento di molte imposte e tributi previsti dal nostro sistema economico, attraverso il ricorso ai relativi codici tributo. Una delle funzioni più importanti dell'F24 è quella di poter essere usato per compensare i crediti del contribuente rispetto ad ogni debito presente nel modello stesso. Questa particolarità si rivela molto utile, per esempio, per le aziende che possono in questo modo ridurre i pagamenti da effettuare senza dover aspettare il rimborso del credito vantato.

Dettaglio del modello

Il modello si compone di tre copie ed è diviso in sezioni: in alto vanno inseriti i dati del contribuente (anagrafica, codice fiscale e domicilio fiscale), nella seconda parte si devono compilare gli spazi dedicati ad ogni singolo ente cui va versato il tributo (Erario, INPS, Regioni, ICI/IMU, altri enti previdenziali). Il modello F24 è a schema aperto e in caso di nuovi pagamenti non ci sarà bisogno di cambiare modello.

Modalità di pagamento

Il pagamento tramite modello F24 può essere effettuato presso qualsiasi concessionario abilitato, in banca oppure presso gli uffici postali con le seguenti modalità:
  • Contanti;
  • Bancomat o Postamat;
  • Assegno bancario o postale a sé stessi.
A pagamento effettuato, una delle tre copie viene timbrata e restituita, le altre due restano allo sportello presso il quale si è effettuato il pagamento. A queste modalità più tradizionali va aggiunta la possibilità di effettuare i pagamenti tramite Modello F24 online, in particolare sono tenuti a questa regola gli appartenenti ad alcune categorie in possesso di Partita IVA secondo quanto stabilito dal Decreto Bersani.

Tipologia di Modello F24

Esistono cinque tipologie per il modello F24:
  1. F24 ordinario F24 ordinario;
  2. F24 accise, per il pagamento delle imposte su fabbricazione e vendita di prodotti;
  3. F24 EP, per i pagamenti verso gli Enti Pubblici;
  4. F24 Elementi Identificativi, per il pagamento di automobili da immatricolare che arrivano da altri Stati Membri della UE;
  5. F24 semplificato, solitamente usato per imposte erariali, regionali e di Enti Locali.

TASI, istruzioni di compilazione e pagamento con F24

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modello F24 semplificato per agevolare il pagamento delle imposte locali come l'IMU L'acconto TASI - in scadenza il 16 ottobre in circa 5mila Comuni - si può pagare con bollettino postale o modello F24, che tra l'altro è necessario per utilizzare somme in compensazione (da ottobre è obbligatorio il versamento online se il saldo è positivo) o pagare contemporaneamente il tributo in Comuni diversi. Per ciascuna tipologia di immobile e di operazione sono previsti specifici codici tributo (acconto, saldo e ravvedimenti): ecco dunque una breve guida su come si paga la TASI con F24. => TASI: casi particolari e calcolo online su PMI.it Pagare la TASI con...

TASI: guida al calcolo online e compilazione F24

Calcolo TASI La scadenza del 16 ottobre per l'acconto TASI si avvicina: dopo aver verificato aliquote e detrazioni previste dalla delibera del Comune, il contribuente deve calcolare sa sé l'ammontare della tassa sui servizi indivisibili, che per le prime case sostituisce l'IMU. Vediamo come effettuare l'operazione utilizzando l'applicazione online messa a punto da amministrazionicomunali.it. L'imposta va versata negli oltre 5mila Comuni che hanno emesso la delibera in tempo utile (qui l'elenco) mentre le altre amministrazioni, faranno pagare la TASI in un'unica soluzione il 16 dicembre,...

F24 online oltre mille euro: le sanzioni applicabili

F24 telematico È scattato il 1° ottobre l'obbligo di presentazione del modello F24 per via telematica per effetto del Decreto IRPEF (Articolo 11, comma 2, del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89) che ha introdotto modifiche per i versamenti in compensazione (indipendentemente dall'importo) o senza ma di importo superiore a 1.000 euro eseguiti con modello F24, riducendo drasticamente l’opzione del modello cartaceo. Tuttavia, nel caso in cui si utilizzi un canale differente da quello telematico non verranno applicate sanzioni. =>...

TASI, acconto in anticipo con F24 cartaceo

f24web Al contribuente alle prese con la TASI (acconto da pagare in oltre 5mila Comuni entro il prossimo 16 ottobre), si ricorda che dal prossimo 1 ottobre non si potrà più utilizzare il modello F24 cartaceo per importi superiori a mille euro o in caso di compensazione: chi intende compensare la nuova tassa con un credito fiscale (es.: l'IRPEF) dovrà farlo esclusivamente online se effettuerà il versamento a ridosso della scadenza. Fino al 30 settembre, è invece possibile presentare l'F24 cartaceo, anche per pagare la TASI in compensazione. Per le compensazioni, se il saldo è...

Versamenti telematici con F24: cosa cambia da ottobre

Pagamenti online Il Decreto IRPEF (DL 66/2014) ha introdotto importanti novità in materia di pagamento tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi, prevedendo l'esclusiva procedura online per alcuni versamenti con modello F24. Contestualmente, l’articolo 11, comma 1 ha modificato le regole del servizio di accoglimento delle deleghe di pagamento, così come le condizioni di riscossione dei versamenti unitari di cui all’art. 17, DLgs 241/1997 realizzate da banche e altri operatori. L’obiettivo di tutte queste novità - comunque suscettibili di modifiche in sede di conversione in legge -...

F24 da ottobre solo online: ecco le regole

Agenzia delle Entrate L'Agenzia delle Entrate fornisce le istruzioni sull'obbligo dal 1° ottobre di pagamento esclusivamente online dei versamenti con Modello F24 nei seguenti casi (norma di riferimento: articolo 11, comma 2, decreto legge 66/2014, convertito dalla legge 89/2014): compensazioni con importo pari a zero o saldo finale di importo positivo; versamenti di importo sopra i mille euro. Tutti gli altri pagamenti effettuati con strumenti diversi (es.: bonifici o versamenti diretti in Tesoreria), restano immutati. => Tasse con F24, da ottobre soltanto online Pagamento online...

Tasse con F24, da ottobre soltanto online

f24web Novità per i contribuenti: dal 1° ottobre, per pagare le tasse di importo superiore a mille euro tramite modello F24 bisognerà effettuare l'operazione online. Si attendono istruzioni specifiche da parte dell'Agenzia delle Entrate su quanto stabilito dal Decreto IRPEF ( Dl 66/2014,articolo 11, comma 2). Il nuovo obbligo, prima previsto solo per i titolari di Partita IVA, viene esteso a tutte le persone fisiche, anche se è possibile delegare un soggetto terzo, come il commercialista.  => Tasse: Speciale Modello F24 Le imposte interessate dalle nuove regole, secondo il...

Bonus IRPEF: compensazione anche con debiti a ruolo

Bonus IRPEF Il bonus introdotto dall’art. 1 del D.L. n. 66/2014 (convertito in Legge n. 89 del 23 giugno 2014 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 143 del 23 giugno 2014) è sempre compensabile mediante modello F24. Si tratta del bonus IRPEF di 80 euro in busta paga che i sostituti d’imposta (datori di lavoro e committenti) hanno già iniziato ad erogare ai lavoratori che ne hanno diritto, a partire dallo scorso mese di maggio. => Guida per aziende al Bonus in busta paga A prevedere il recupero del bonus, da parte del sostituto d’imposta, mediante la compensazione sul modello F24 è la...

Chiusura Partita IVA d’ufficio: modello F24 e codice tributo

Partite IVA Come compilare il modello F24 per il pagamento spontaneo della sanzione ridotta di 172 euro per la chiusura della Partita IVA d’ufficio da parte dell’Agenzia delle Entrate? Quale codice tributo deve essere utilizzato? Ecco tutte le risposte. La chiusura avviene d’ufficio da parte dell’Agenzia delle Entrate quando, sulla base dei dati contenuti nell’Anagrafe Tributaria, vengono individuati i soggetti che, pur obbligati, non hanno presentato la dichiarazione di cessazione di attività. Spetta all’Agenzia comunicare a tali soggetti la chiusura, con applicazione delle sanzioni,...

Bonus busta paga: codice tributo F24 per datori di lavoro

Agenzia Entrate L'aumento in busta paga ha ora uno specifico codice tributo, che devono utilizzare in F24 i datori di lavoro per compensare il credito d'imposta erogato ai dipendenti: si tratta del codice 1655 denominato "Recupero da parte dei sostituti d’imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del dl 66/2014". E' contenuto nella risoluzione 48/E del 7 maggio 2014 dell'Agenzia delle Entrate. La norma prevede che il sostituto d'imposta, ad esempio l'impresa, riconosca ai lavoratori l'aumento (nella maggior parte dei casi 80 euro a partire da maggio) in via automatica. Può poi recuperare...

X
Se vuoi aggiornamenti su Bonus busta paga: codice tributo F24 per datori di lavoro

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy