Modello 730

Modello 730 Il Modello 730 è il modulo fiscale da compilare per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati, introdotto in Italia nel 1993 in sostituzione del modello 740 semplificato, allo scopo di provvedere immediatamente al rimborso delle imposte a credito. Ad oggi è possibile utilizzare tale modello per dichiarare le seguenti tipologie di reddito:
  • Redditi di lavoro dipendente;
  • Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
  • Redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • Redditi di capitale;
  • Redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la Partita Iva;
  • Altri redditi;
  • Alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata.

Modello 730/2015 precompilato

Dal prossimo anno il Governo ha previsto di inviare ai contribuenti un modello parzialmente precompilato con i dati già noti: entro il 15 aprile 2015 sarà inviato a pensionati, dipendenti pubblici e privati il 730/2015 compilato con i dati forniti dal sostituto d'imposta (stipendio o pensione), dall'anagrafe tributaria (familiari a carico e rendite immobiliari) e soggetti terzi (banche, assicurazioni, ecc.). Dal 2016 saranno indicate anche le spese sanitarie note. Entro il 7 luglio 2015 il contribuente potrà accettare la dichiarazione così come gli perviene oppure integrarla presentandola tramite CAF e intermediari.
In casi particolari è necessario presentare le dichiarazioni con il Modello Unico: questo vale per coloro che possiedono, oltre al reddito di lavoro dipendente, anche redditi di impresa e derivanti dall’esercizio di arti o professioni. Inoltre, non tutti i soggetti sopra citati sono tenuti a presentare tale dichiarazione.
Sono invece del tutto esonerati dalla dichiarazione dei redditi coloro che possiedono esclusivamente i redditi derivanti da:
  • Abitazione principale;
  • Lavoro dipendente o pensione;
  • Lavoro dipendente o pensione con abitazione principale;
  • Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Alcuni redditi esenti (ad esempio, pensioni di guerra, alcune borse di studio, ecc…).
Oppure possiedono esclusivamente redditi soggetti a:
  • imposta sostitutiva
  • ritenuta alla fonte a titolo di imposta.
In tutti i casi sopra indicati, l’esenzione scatta soltanto alle seguenti condizioni:
  • Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto oppure corrisposti da più sostituti, purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio;
  • Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale
L’esenzione può scattare anche per motivi di minimo reddituale, ossia per tutti coloro che possiedono esclusivamente determinati redditi, entro specifiche soglie, e sempre solo a particolari condizioni. Il reddito da lavoro, pensione, terreni o mantenimento, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, deve essere inferiore a:
  • 8.000 euro per chi ha meno di 75 anni;
  • 7.750 euro per chi ha più di 75 anni a condizione che il periodo di pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 euro per i pensionati a condizione che il periodo di pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 4.800 euro per attività non esercitate abitualmente o da lavoratori autonomi (Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro.);
  • 500 euro per i redditi di terreni e fabbricati a condizione che il periodo di lavoro non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 (pensione) + 185,92 (terreni) a condizione che il periodo di lavoro/pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 euro per l’assegno periodico corrisposto dal coniuge + altre tipologie di reddito (è escluso l’assegno per il mantenimento dei figli)
  • 28.158,28 euro di compensi per attività sportive.


Istruzioni: che cosa si deve fare

Una volta stabilito a chi spetta o meno presentare tale modulo, il Modello 730 può essere consegnato a due soggetti distinti:
  • Al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), solo se questi ha comunicato di prestare assistenza fiscale per quell’anno. In questo caso, il modello 730 deve essere già stato compilato e il 730-1 (relativo alla scelta per la destinazione dell’Otto per mille e del Cinque per Mille dell’Irpef) va consegnato in busta chiusa.
  • Al CAF o ai professionisti iscritti all’albo dei commercialisti, esperti contabili e consulenti del lavoro. Il modulo può essere loro consegnato già compilato oppure se ne chiede assistenza per la compilazione, sotto compenso. In busta chiusa va sempre consegnato anche il modello 730-1 per la scelta (o meno) della destinazione dell’8 e del 5 per mille.

Una volta completata questa procedura, non è necessario che il contribuente consegni il modulo all’Agenzia delle Entrate poiché questo adempimento spetta o al datore di lavoro, all’ente pensionistico o al CAF (e gli altri intermediari abilitati). In caso di rimborso dell’imposta o di saldo a debito da parte del contribuente, le somme rinvenute vengono versate o trattenute a luglio direttamente dalla busta paga o dalla pensione, a meno che non si richieda esplicitamente che il corrispettivo venga inviato direttamente al contribuente dall’Agenzia delle Entrate. Se, in caso di verifica, dovesse essere riscontrato un errore nel Modello 730 consegnato, è possibile rettificare con un modulo integrativo e rivolgendosi a un intermediario (CAF, professionista), anche se nella compilazione precedente ci si era rivolti ad un altro soggetto. Oppure si può presentare un Modello Unico per persone fisiche entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta successivo.

Scadenza

Il Modello 730/2015 si potrà consegnare integrato entro il 7 luglio. In attesa di istruzioni precise, si consiglia, in ogni caso, di monitorare le scadenze fiscali divise per mese sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Documentazione

È possibile visionare QUI la versione 2015 del Modello 730. Per la dichiarazione dei redditi, servono anche i seguenti documenti:
  • CUD rilasciato dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico;
  • Fatture, ricevute, scontrini, che attestino le spese sostenute nel corso dell'anno per le quali è prevista la deducibilità dal reddito complessivo;
  • Altra documentazione necessaria per il riconoscimento delle spese deducibili o detraibili;
  • Ricevuta dei bonifici attraverso i quali sono state pagate le opere di ristrutturazione, quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, attestati di versamento delle ritenute operate sui compensi dei professionisti, quietanza rilasciata dal condominio ;
  • Attestati di versamento degli acconti d'imposta effettuati dal contribuente;
  • Ultima dichiarazione presentata, se in questa era stata evidenziata un'eccedenza d'imposta.

La documentazione tributaria va conservata per eventuali accertamenti futuri fino al 31 dicembre del quarto anno successivo alla presentazione.

Articoli correlati

Modello 730 cartaceo al posto del precompilato

Modello 730 Dal 15 aprile di ogni anno, a partire dal 2015 i contribuenti italiani ricevono il proprio modello 730 precompilato dall'Agenzia delle Entrate. Nonostante la novità della dichiarazione dei redditi già compilata con i dati in possesso dell'Amministrazione Finanziaria, rimane comunque la possibilità di richiedere presentare il modello 730 nel classico formato cartaceo, rivolgendosi a CAF, commercialisti e altri professionisti abilitati per la sua compilazione, pagando il relativo compenso professionale richiesto. => Dichiarazione redditi precompilata: compensi a CAF Modello 730...

730 precompilato online: errori del Fisco e correzioni

730 precompilato Detrazioni da lavoro dipendente, ma anche dati sul mutuo, pensione integrativa, detrazioni per ristrutturazioni edilizie: il contribuente che sceglie la modalità 730 precompilato online fai da te, si trova davanti a molteplici problemi causati anche da errori commessi dal Fisco nella predisposizione dei modelli. Mentre proseguono gli incontri fra INPS, Agenzia delle Entrate e CAF per capire come consentire a chi ha già inviato il modello 730 di correggere errori, vediamo in quali casi è possibile per il contribuente trovarsi da solo la soluzione. => 730 precompilati, una soluzione...

730 precompilato: ipotesi di nuovo invio

730 precompilato Una proroga per la presentazione della dichiarazione, ma anche la possibilità per il contribuente di effettuare correzioni nel caso di errori del Fisco nella predisposizione del 730 precompilato: sono due delle ipotesi al vaglio per far fronte ai problemi riscontrati in questo primo anno di debutto del 730 precompilato. Il punto è che, al di là delle prevedibili difficoltà dei contribuenti, e dei professionisti dell'assistenza fiscale, alle prese per il primo anno con il 730 precompilato, ci sono anche errori nei modelli predisposti. => 730 precompialti: una soluzione agli...

730 precompilato: come inserire gli immobili

Schermata del 2015-05-18 16:53:15 Il quadro B, relativo ai redditi da fabbricati, nel 730 precompilato prevede una griglia iniziale, in cui inserire i vari dati relativi agli immobili: il contribuente può eventualmente aggiungere righi se quelli che appaiono nella schermata iniziata non fossero sufficienti per inserire tutti i redditi da fabbricati. Vediamo con precisione le regole per inserire gli immobili nel 730 precompilato, ricordando che le regole fondamentali sono le stesse previste per il 730 ordinario. => 730 precompilato: una soluzione agli errori Devono compilare il quadro B dedicato ai redditi da...

730 precompilati: una soluzione agli errori

730 precompilato Agenzia delle Entrate ed INPS sono al lavoro per risolvere il problema degli errori del modello 730 precompilato, ossia tutti quelli che nella finestra di accesso ripostano l'avviso «Nel tuo 730 precompilato non sono riportati i giorni di lavoro dipendente o di pensione, quindi l’esito non tiene conto delle relative detrazioni».L'obiettivo è trovare una soluzione automatizzata che eviti ai contribuenti di dover apportare modifiche alla dichiarazione dei redditi per correggere i modelli già scaricati (anche perché la correzione - necessaria - comporta poi comunque la passibilità...

730 precompilato come inserire le modifiche

730 2015 Il contribuente che riceve il 730 precompilato può accettarlo senza effettuare cambiamenti, oppure inserire delle modifiche: la distinzione è importante, perché nel primo caso l'Agenzia delle Entrate non effettuerà alcun controllo, nel secondo invece può intervenire con le ordinarie modalità di verifica. Il sistema telematico predisposto dal Fisco per chi sceglie di inviare autonomamente il 730 precompilato prevede diverse modalità per effettuare le modifiche. Ad esempio, c'è una modalità semplificata per chi deve solo inserire alcune spese di più frequente utilizzo (ad esempio,...

730 precompilato fai da te: come inserire le spese

730 spese Una delle modifiche più frequenti che i contribuenti già da quest'anno destinatari del modello 730 precompilato effettuano è l'inserimento di spese da portare in detrazione: per facilitare l'adempimento, il sistema per il 730 precompilato fai da te prevede una modalità semplificata. Il contribuente può scegliere di compilare il quadro E, nel quale si inseriscono le spese che danno diritto a deduzioni o detrazioni, con due diverse modalità: quella standard, e quella invece dedicata alle "spese di più frequente utilizzo". => Modello 730 precompilato fai da te: spese mediche e...

730 precompilato: come correggere gli errori

730integrativo Il contribuente destinatario del 730 precompilato può integrare, modificare, ma anche correggere i dati inseriti dall'Agenzia delle Entrate, per esempio se rileva errori o inesattezze. In questi casi, bisogna fare una distinzione fondamentale tra quelli che sono errori che si possono correggere senza che questo comporti una sostanziale modifica, o meno. Se la correzione non comporta una sostanziale modifica, alla fine il 730 precompilato sarà considerato dal Fisco come accettato senza modifiche, con tutti i vantaggi che questo comporta ad esempio per quanto riguarda i controlli fiscali....

Dichiarazione dei redditi 2015: come evitare errori

730 precompilato Nuovi chiarimenti sono stati forniti dall'Agenzia delle Entrate in merito ai possibili errori presenti nel modello 730 precompilato, con riferimento al messaggio che appare nell’applicazione dedicata alla nuova dichiarazione dei redditi precompilata ai contribuenti che hanno ricevuto più Certificazioni Uniche (CU) in presenza di dati incongruenti. L'Agenzia precisa, in un comunicato stampa che: “Proprio per evitare errori, con questo avviso, l’Agenzia ha voluto informare i cittadini che il numero di giorni di lavoro dipendente/pensione non è stato inserito nel modello e che il...

730 precompilato: i primi dati dell’Agenzia

Modello 730 Pubblicati dall'Agenzia delle Entrate i primi dati relativi alla dichiarazione dei redditi 2015, che per la prima volta vede protagonista il Fisco nella compilazione del modello 730, al posto dei contribuenti. Dopo 5 giorni dal via ufficiale al 730 precompilato sono stati: oltre 920mila i contribuenti che hanno fatto accesso online alla propria dichiarazione; 122.295 le dichiarazioni già inviate; 106.666 i modelli 730 pronti per essere trasmessi all'Agenzia (si tratta delle dichiarazioni dei redditi salvate dai contribuenti ma non ancora inviate); circa 229mila i contribuenti,...

X
Se vuoi aggiornamenti su 730 precompilato: i primi dati dell'Agenzia

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy