Modello 730

Modello 730 Il Modello 730 è il modulo fiscale da compilare per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati, introdotto in Italia nel 1993 in sostituzione del modello 740 semplificato, allo scopo di provvedere immediatamente al rimborso delle imposte a credito. Ad oggi è possibile utilizzare tale modello per dichiarare le seguenti tipologie di reddito:
  • Redditi di lavoro dipendente;
  • Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
  • Redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • Redditi di capitale;
  • Redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la Partita Iva;
  • Altri redditi;
  • Alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata.

Modello 730/2015 precompilato

Dal prossimo anno il Governo ha previsto di inviare ai contribuenti un modello parzialmente precompilato con i dati già noti: entro il 15 aprile 2015 sarà inviato a pensionati, dipendenti pubblici e privati il 730/2015 compilato con i dati forniti dal sostituto d'imposta (stipendio o pensione), dall'anagrafe tributaria (familiari a carico e rendite immobiliari) e soggetti terzi (banche, assicurazioni, ecc.). Dal 2016 saranno indicate anche le spese sanitarie note. Entro il 7 luglio 2015 il contribuente potrà accettare la dichiarazione così come gli perviene oppure integrarla presentandola tramite CAF e intermediari.
In casi particolari è necessario presentare le dichiarazioni con il Modello Unico: questo vale per coloro che possiedono, oltre al reddito di lavoro dipendente, anche redditi di impresa e derivanti dall’esercizio di arti o professioni. Inoltre, non tutti i soggetti sopra citati sono tenuti a presentare tale dichiarazione.
Sono invece del tutto esonerati dalla dichiarazione dei redditi coloro che possiedono esclusivamente i redditi derivanti da:
  • Abitazione principale;
  • Lavoro dipendente o pensione;
  • Lavoro dipendente o pensione con abitazione principale;
  • Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Alcuni redditi esenti (ad esempio, pensioni di guerra, alcune borse di studio, ecc…).
Oppure possiedono esclusivamente redditi soggetti a:
  • imposta sostitutiva
  • ritenuta alla fonte a titolo di imposta.
In tutti i casi sopra indicati, l’esenzione scatta soltanto alle seguenti condizioni:
  • Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto oppure corrisposti da più sostituti, purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio;
  • Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale
L’esenzione può scattare anche per motivi di minimo reddituale, ossia per tutti coloro che possiedono esclusivamente determinati redditi, entro specifiche soglie, e sempre solo a particolari condizioni. Il reddito da lavoro, pensione, terreni o mantenimento, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, deve essere inferiore a:
  • 8.000 euro per chi ha meno di 75 anni;
  • 7.750 euro per chi ha più di 75 anni a condizione che il periodo di pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 euro per i pensionati a condizione che il periodo di pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 4.800 euro per attività non esercitate abitualmente o da lavoratori autonomi (Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro.);
  • 500 euro per i redditi di terreni e fabbricati a condizione che il periodo di lavoro non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 (pensione) + 185,92 (terreni) a condizione che il periodo di lavoro/pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 euro per l’assegno periodico corrisposto dal coniuge + altre tipologie di reddito (è escluso l’assegno per il mantenimento dei figli)
  • 28.158,28 euro di compensi per attività sportive.


Istruzioni: che cosa si deve fare

Una volta stabilito a chi spetta o meno presentare tale modulo, il Modello 730 può essere consegnato a due soggetti distinti:
  • Al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), solo se questi ha comunicato di prestare assistenza fiscale per quell’anno. In questo caso, il modello 730 deve essere già stato compilato e il 730-1 (relativo alla scelta per la destinazione dell’Otto per mille e del Cinque per Mille dell’Irpef) va consegnato in busta chiusa.
  • Al CAF o ai professionisti iscritti all’albo dei commercialisti, esperti contabili e consulenti del lavoro. Il modulo può essere loro consegnato già compilato oppure se ne chiede assistenza per la compilazione, sotto compenso. In busta chiusa va sempre consegnato anche il modello 730-1 per la scelta (o meno) della destinazione dell’8 e del 5 per mille.

Una volta completata questa procedura, non è necessario che il contribuente consegni il modulo all’Agenzia delle Entrate poiché questo adempimento spetta o al datore di lavoro, all’ente pensionistico o al CAF (e gli altri intermediari abilitati). In caso di rimborso dell’imposta o di saldo a debito da parte del contribuente, le somme rinvenute vengono versate o trattenute a luglio direttamente dalla busta paga o dalla pensione, a meno che non si richieda esplicitamente che il corrispettivo venga inviato direttamente al contribuente dall’Agenzia delle Entrate. Se, in caso di verifica, dovesse essere riscontrato un errore nel Modello 730 consegnato, è possibile rettificare con un modulo integrativo e rivolgendosi a un intermediario (CAF, professionista), anche se nella compilazione precedente ci si era rivolti ad un altro soggetto. Oppure si può presentare un Modello Unico per persone fisiche entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta successivo.

Scadenza

Il Modello 730/2015 si potrà consegnare integrato entro il 7 luglio. In attesa di istruzioni precise, si consiglia, in ogni caso, di monitorare le scadenze fiscali divise per mese sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Documentazione

È possibile visionare QUI la versione 2015 del Modello 730. Per la dichiarazione dei redditi, servono anche i seguenti documenti:
  • CUD rilasciato dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico;
  • Fatture, ricevute, scontrini, che attestino le spese sostenute nel corso dell'anno per le quali è prevista la deducibilità dal reddito complessivo;
  • Altra documentazione necessaria per il riconoscimento delle spese deducibili o detraibili;
  • Ricevuta dei bonifici attraverso i quali sono state pagate le opere di ristrutturazione, quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, attestati di versamento delle ritenute operate sui compensi dei professionisti, quietanza rilasciata dal condominio ;
  • Attestati di versamento degli acconti d'imposta effettuati dal contribuente;
  • Ultima dichiarazione presentata, se in questa era stata evidenziata un'eccedenza d'imposta.

La documentazione tributaria va conservata per eventuali accertamenti futuri fino al 31 dicembre del quarto anno successivo alla presentazione.

Articoli correlati

Proroga 730 precompilato al 23 luglio

730 precompilato Proroga 730 precompilato: slitta al 23 luglio la scadenza prevista per il giorno 7 del mese, in relazione alla consegna da parte degli intermediari abilitati (CAF e professionisti) della copia della dichiarazione elaborata e del prospetto di liquidazione ai contribuenti, nonché delle relative comunicazioni all'Agenzia delle Entrate. Lo stabilisce un decreto ad hoc della presidenza del Consiglio dei Ministri, già firmato da Premier e titolare dell'Economia, in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. => Delega 730 precompilato: istruzioni Requisiti proroga Attenzione...

IRPEF a debito o credito da 730: pagamento o rimborso

730 precompilato Chi presenta la dichiarazione dei redditi 2015 attraverso il modello 730 ordinario o precompilato si può ritrovare a credito o a debito IRPEF, con diritto al rimborso oppure chiamato a versare l'imposta dovuta. Le regole di accredito o addebito diretto in busta paga tramite sostituto d'imposta non valgono per ogni contribuente, che in alcuni casi dovrà effettuare il versamento all'Agenzia delle Entrate tramite F24. Vediamo con precisione tutti i casi di IRPEF a debito o credito, esaminando anche la possibilità del pagamento a rate. => IRPEF: scaglioni e aliquote 2015 IRPEF a...

Delega Modello 730 precompilato: istruzioni

Modello 730 precompilato Per la dichiarazione dei redditi, dal 2015 il contribuente può avvalersi del modello 730 precompilato parzialmente, disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate e accessibile tramite codice PIN (Fisconline o INPS). Qualora non volesse completare o correggere da sé i dati, il contribuente può richiedere l'accesso al proprio 730 relativo al periodo d’imposta 2014 da parte del suo sostituto d’imposta, di un CAF (Centro di Assistenza Fiscale) o di un professionista abilitato (commercialista o consulente). => 730 precompilato: come inserire le modifiche Delega Per...

Rimborsi da 730: esaminate metà richieste

Modello 730 Per effetto del comma 586 della Legge di Stabilità 2014, le detrazioni IRPEF risultanti dalla presentazione del modello 730 per carichi di famiglia o crediti in eccedenza dell’anno precedente non vengono più rimborsate automaticamente in busta paga nel caso in cui si superi l'importo di 4mila euro. In questi casi è previsto che l'Agenzia delle Entrate effettui dei controlli fiscali prima di avviare la restituzione delle tasse versate in eccedenza. => Detrazioni fiscali 730: tempistica dei rimborsi annui Modello 730 precompilato Ricordiamo che nel 2015 ha debuttato in Italia...

Errori nel 730 precompilato: il Fisco spiega come rettificarli

Correggere errori modello 730 Il modello 730 precompilato ha debuttato quest'anno e non tra pochi dubbi. Nel caso in cui il contribuente abbia già inviato la propria dichiarazione dei redditi, accorgendosi poi di aver commesso un errore, è ancora possibile apportare correzioni. Lo ha precisato l'Agenzia delle Entrate che, in un provvedimento, spiega come fare. => 730 precompilati: una soluzione agli errori Dichiarazione sostitutiva In sostanza nel caso in cui sia necessario rettificare gli errori commessi nel modello 730 inviato via web al Fisco basterà effettuare un nuovo invio che annulla e sostituisce il...

Modello 730: le novità sulle compensazioni

730 precompilato Novità 2015 per i contribuenti che in dichiarazione dei redditi decidono di portare in compensazione i crediti risultanti dal 730: il modello F24 non si può più presentare alla banca o all'ufficio postale ma va inviato direttamente all'Agenzia delle Entrate per via telematica. Si tratta, evidentemente, di un adempimento che riguarda sia chi presenta il 730 precompilato sia il modello 730 cartaceo. => F24 solo online: ecco le regole Quadro I: Compensazioni Nel modello 730 c'è un apposito quadro I dedicato alle imposte da compensare. La compilazione è semplice: si inserisce...

Entratel e Fisconline: guida alla registrazione

Entratel Fisconline Per compilare e trasmettere il 730 precompilato, chi non dispone del PIN INPS dispositivo può registrarsi a Fisconline. Ma come effettuare la registrazione al servizio web dell'Agenzia delle Entrate? Assieme ad Entratel, infatti, si tratta di una via d'accesso diretto ai servizi online del Fisco a disposizione dei contribuenti (privati, imprese e intermediari. In questo articolo spieghiamo i passaggi chiave della procedura che abilita a dichiarare, versare, registrare, consultare e calcolare tasse, imposte e tributi risparmiando tempo. Prima di tutto ecco chi può...

Modello 730: tutte le novità dal 2015

730 Bonus IRPEF, cedolare secca, IMU, compensazioni, detrazioni e deduzioni fiscali: il modello precompilato è senz'altro la novità principale in materia di dichiarazione dei redditi ma non è l'unica, vista la lunga serie di nuove disposizione fiscali da tener presente nella compilazione del 730/2015, precompilato o cartaceo (ordinario). Vediamone una sintesi. => Modello 730, istruzioni complete Il nuovo CU 2015 Da quest'anno il CUD è sostituito dal CU 2015, nuovo modello di certificazione unica che il sostituto d'imposta ha trasmesso a dipendenti e collaboratori e ha anche...

Modello 730 cartaceo al posto del precompilato

Modello 730 Dal 15 aprile di ogni anno, a partire dal 2015 i contribuenti italiani ricevono il proprio modello 730 precompilato dall'Agenzia delle Entrate. Nonostante la novità della dichiarazione dei redditi già compilata con i dati in possesso dell'Amministrazione Finanziaria, rimane comunque la possibilità di richiedere presentare il modello 730 nel classico formato cartaceo, rivolgendosi a CAF, commercialisti e altri professionisti abilitati per la sua compilazione, pagando il relativo compenso professionale richiesto. => Dichiarazione redditi precompilata: compensi a CAF Modello 730...

730 precompilato online: errori del Fisco e correzioni

730 precompilato Detrazioni da lavoro dipendente, ma anche dati sul mutuo, pensione integrativa, detrazioni per ristrutturazioni edilizie: il contribuente che sceglie la modalità 730 precompilato online fai da te, si trova davanti a molteplici problemi causati anche da errori commessi dal Fisco nella predisposizione dei modelli. Mentre proseguono gli incontri fra INPS, Agenzia delle Entrate e CAF per capire come consentire a chi ha già inviato il modello 730 di correggere errori, vediamo in quali casi è possibile per il contribuente trovarsi da solo la soluzione. => 730 precompilati, una soluzione...

X
Se vuoi aggiornamenti su 730 precompilato online: errori del Fisco e correzioni

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy