Modello 730

Modello 730 Il Modello 730 è il modulo fiscale da compilare per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati, introdotto in Italia nel 1993 in sostituzione del modello 740 semplificato, allo scopo di provvedere immediatamente al rimborso delle imposte a credito. Ad oggi è possibile utilizzare tale modello per dichiarare le seguenti tipologie di reddito:
  • Redditi di lavoro dipendente;
  • Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
  • Redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • Redditi di capitale;
  • Redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la Partita Iva;
  • Altri redditi;
  • Alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata.

Modello 730/2018 precompilato

Dallo scorso anno il Governo ha previsto di inviare ai contribuenti un modello parzialmente precompilato con i dati già noti al Fiscp, dal 2018 saranno indicate anche le spese sanitarie note. Il contribuente potrà accettare la dichiarazione così come gli perviene oppure integrarla, trasmettendola per via telematica dal sito del'Agenzia delle Entrate (con codice personale o PIN INPS) oppure CAF e intermediari.
In casi particolari è necessario presentare le dichiarazioni con il Modello Unico: questo vale per coloro che possiedono, oltre al reddito di lavoro dipendente, anche redditi di impresa e derivanti dall’esercizio di arti o professioni. Inoltre, non tutti i soggetti sopra citati sono tenuti a presentare tale dichiarazione.
Sono invece del tutto esonerati dalla dichiarazione dei redditi coloro che possiedono esclusivamente i redditi derivanti da:
  • Abitazione principale;
  • Lavoro dipendente o pensione;
  • Lavoro dipendente o pensione con abitazione principale;
  • Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Alcuni redditi esenti (ad esempio, pensioni di guerra, alcune borse di studio, ecc…).
Oppure possiedono esclusivamente redditi soggetti a:
  • imposta sostitutiva
  • ritenuta alla fonte a titolo di imposta.
In tutti i casi sopra indicati, l’esenzione scatta soltanto alle seguenti condizioni:
  • Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto oppure corrisposti da più sostituti, purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio;
  • Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale
L’esenzione può scattare anche per motivi di minimo reddituale, ossia per tutti coloro che possiedono esclusivamente determinati redditi, entro specifiche soglie, e sempre solo a particolari condizioni. Il reddito da lavoro, pensione, terreni o mantenimento, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, deve essere inferiore a:
  • 8.000 euro per chi ha meno di 75 anni;
  • 7.750 euro per chi ha più di 75 anni a condizione che il periodo di pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 euro per i pensionati a condizione che il periodo di pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 4.800 euro per attività non esercitate abitualmente o da lavoratori autonomi (Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro.);
  • 500 euro per i redditi di terreni e fabbricati a condizione che il periodo di lavoro non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 (pensione) + 185,92 (terreni) a condizione che il periodo di lavoro/pensione non sia inferiore a 365 giorni;
  • 7.500 euro per l’assegno periodico corrisposto dal coniuge + altre tipologie di reddito (è escluso l’assegno per il mantenimento dei figli)
  • 28.158,28 euro di compensi per attività sportive.


Istruzioni: cosa fare, i documenti necessari

Una volta stabilito a chi spetta o meno presentare tale modulo, se non si opta per l'invio web del modello digitale, allora il Modello 730 cartaceo può essere consegnato a due soggetti distinti:
  • Al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), solo se questi ha comunicato di prestare assistenza fiscale per quell’anno. In questo caso, il modello 730 deve essere già stato compilato e il 730-1 (relativo alla scelta per la destinazione dell’Otto per mille e del Cinque per Mille dell’Irpef) va consegnato in busta chiusa.
  • Al CAF o ai professionisti iscritti all’albo dei commercialisti, esperti contabili e consulenti del lavoro. Il modulo può essere loro consegnato già compilato oppure se ne chiede assistenza per la compilazione, sotto compenso. In busta chiusa va sempre consegnato anche il modello 730-1 per la scelta (o meno) della destinazione dell’8 e del 5 per mille.

Una volta completata questa procedura, non è necessario che il contribuente consegni il modulo all’Agenzia delle Entrate poiché questo adempimento spetta o al datore di lavoro, all’ente pensionistico o al CAF (e gli altri intermediari abilitati). In caso di rimborso dell’imposta o di saldo a debito da parte del contribuente, le somme rinvenute vengono versate o trattenute a luglio direttamente dalla busta paga o dalla pensione, a meno che non si richieda esplicitamente che il corrispettivo venga inviato direttamente al contribuente dall’Agenzia delle Entrate. Se, in caso di verifica, dovesse essere riscontrato un errore nel Modello 730 consegnato, è possibile rettificare con un modulo integrativo e rivolgendosi a un intermediario (CAF, professionista), anche se nella compilazione precedente ci si era rivolti ad un altro soggetto. Oppure si può presentare un Modello Unico per persone fisiche entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta successivo.

Scadenza

Il Modello 730/2018 si potrà consegnare integrato entro il 24 luglio. In ogni caso è bene monitorare le scadenze fiscali divise per mese sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Documentazione

È possibile visionare QUI la versione 2018 del Modello 730. Per la dichiarazione dei redditi, servono anche i seguenti documenti:
  • Certificazione Unica rilasciato dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico;
  • Fatture, ricevute, scontrini di farmaci da banco, che attestino le spese sostenute nel corso dell'anno per le quali è prevista la deducibilità dal reddito complessivo e ch per il 2018 non trovano ancora posto nel 730 precompilato;
  • Altra documentazione necessaria per il riconoscimento delle spese deducibili o detraibili;
  • Ricevuta dei bonifici attraverso i quali sono state pagate le opere di ristrutturazione, quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, attestati di versamento delle ritenute operate sui compensi dei professionisti, quietanza rilasciata dal condominio ;
  • Attestati di versamento degli acconti d'imposta effettuati dal contribuente;
  • Ultima dichiarazione presentata, se in questa era stata evidenziata un'eccedenza d'imposta.

La documentazione tributaria va conservata per eventuali accertamenti futuri fino al 31 dicembre del quarto anno successivo alla presentazione.

Dichiarazione Redditi 2018: tutti i modelli

2018 Con i provvedimenti del 15 gennaio 2018 dell’Agenzia delle Entrate sono stati approvate e messe online le versioni definitive dei modelli dichiarativi 2018 con le relative istruzioni: 730, Certificazione Unica (CU), IVA, 770, IVA74-bis e Certificazione degli utili e dei proventi equiparati (CUPE). Tante le novità nei diversi modelli, come ad esempio l'adeguamento alla normativa in tema di IVA di gruppo e split payment e al decreto MEF dello scorso 26 maggio. => Dichiarazione dei redditi 2018: istruzioni e novità Modello 730/2018 Per il Modello 730/2018 da quest'anno c'è...

Precompilata 2018: guida pratica

costi-730 Dal prossimo 16 aprile l'Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il 730 precompilato 2018, nel frattempo il Fisco ha messo a punto i modelli, con tutte le novità previste  della normativa, la più importante delle quali è il nuovo calendario delle scadenze fiscali, con la data ultima di presentazione della dichiarazione dei redditi che slitta al 23 luglio per tutti i contribuenti, sia coloro che la presentano autonomamente  sia quelli che si rivolgono a un intermediario. => Tutte le nuove scadenze fiscali Consultazione 730/2018 La precompilata viene in...

Rimborsi IRPEF: verifica 730 precompilato

controlli fisco rimborsi 730 L'Agenzia delle Entrate avrebbe avviato lenuove  procedure di verifica delle richieste di rimborso IRPEF dei contribuenti che hanno presentato il 730 precompilato, sia autonomamente sia attraverso CAF e professionisti abilitati. Si tratta di controlli automatizzati (previsti dal dlgs 175/14) che riguardano le dichiarazioni modificate di contribuenti senza sostituto d'imposta che richiedono rimborsi sopra i 4mila euro o di quelle che presentano incoerenze. => 730 precompilato e rimborsi IRPEF In questi casi, il Fisco sottopone a controlli automatizzati (che dovranno terminare in...

Dichiarazione precompilata, come si accede

730 precompilato Dal 16 aprile, il portale web dell'Agenzia delle Entrate dedicato alla precompilata (https://infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it/portale/) consente l'accesso alla propria dichiarazione dei redditi. Nel modello 730 o Redditi (ex-UNICO) si trovano inseriti spese sanitarie (anche senza ricetta) e veterinarie, spese universitarie e funebri, bonus ristrutturazioni ed energia, contributi previdenza complementari, interessi mutui e assicurazioni, ecc. Per accedere online tramite credenziali personali, oltre ai classici Fisconline, PIN INPS e CNS, dallo scorso anno ci sono anche: SPID,...

Omessa dichiarazione dei redditi: ravvedimento e sanzioni

dichiarazione-redditi Ultima chiamata per la dichiarazione dei redditi 2017 il 25 ottobre, scadenza fiscale per la presentazione del modello 730 integrativo da parte dei contribuenti che avevano omesso o dimenticato oneri deducibili e detraibili nella dichiarazione di luglio. Stesso termine per chi non ha presentato il modello (730 o Redditi) nei termini di legge: può ancora porvi rimedio senza incorrere nelle sanzioni previste dalla normativa vigente per il reato di omessa dichiarazione. => 730 integrativo entro il 25 ottobre Reato di omessa dichiarazione Il reato di omessa dichiarazione dei redditi...

730 integrativo entro il 25 ottobre

Scadenza Si avvicina il termine ultimo per la presentazione del modello 730 integrativo o rettificativo da parte di coloro che si sono accorti di aver commesso errori nella dichiarazione dei redditi, o hanno omesso di inserire alcune spese, o ancora che non hanno proprio effettuato l'adempimento. => 730 2017: modello, istruzioni e scadenze  Il modello 730 rettificativo va presentato, rivolgendosi a chi ha prestato assistenza nella compilazione, nel caso in cui si riscontrino errori di compilazione o di calcolo nel modello 730 presentato a luglio. Il modello 730 integrativo va invece...

Dichiarazione 730 o CU: cosa conviene?

Sono un docente a tempo determinato e lavoro da 2 anni sempre con contratto a termine presso una scuola statale: per me è obbligatorio compilare la dichiarazione dei redditi? Entro quando?

Guida detrazione spese di istruzione nel 730

Spese istruzione La detrazione IRPEF del 19% sulle spese di istruzione sostenute dal contribuente è stata modificata dalla Legge di Stabilità 2016 (208/2015) e ancor prima dalla 107/2015. Nella Circolare 7/E/2017 dell’Agenzia delle Entrate, inoltre, vengono forniti tutti i tetti massimi di spesa detraibili per le spese sostenute nel 2016 e i dettagli sulle voci di costo che consentono di portarle correttamente in detrazione nella dichiarazione dei redditi (730/2017). =>Speciale Dichiarazione dei Redditi Vecchia disciplina Fino al periodo d’imposta 2014, era l'articolo 15, comma 1, lett. e),...

Il 730 senza sostituto entro giugno

Fisco Per i contribuenti che presentano il modello 730 senza sostituto d’imposta la scadenza ordinaria per provvedere al versamento senza maggiorazione è quella del 30 giugno, ma con possibilità di rateizzare gli importi dovuti in un massimo di sei rate con scadenza a fine di ciascun mese. Il versamento delle imposte sui redditi e contributi a saldo del 2016 e in acconto per il 2017, per privati e imprese può essere effettuata fino al 30 luglio con una maggiorazione dello 0,40%. => 730 precompilato 2017: novità e scadenze Quando manca il sostituto d'imposta, il contribuente deve...

Invio 730 modificato: come evitare i controlli

In data 6 maggio ho inviato  la dichiarazione precompilata. Il 29 maggio ha provveduto al suo annullamento online,  acquisendone ricevuta e protocollo. Dovendo procedere al reinvio, deve comunque inviare quella modificata, anche se non cambia il risultato della liquidazione rispetto a quella originaria? Sempre entro il 24 luglio 2017?

X
Se vuoi aggiornamenti su Modello 730

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy