Salesforce più social grazie a Manymoon

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Salesforce.com acquista Manymoon e con essa numerosi strumenti cloud per la produttività "social", verso un ecosistema lavorativo sempre più online e sempre più produttivo

Salesforce.com acquista Manymoon, società nota per i propri strumenti online indirizzati alla produttività. Dall’acquisizione, Manymoon riceverà nuove opportunità per investire nei suoi progetti rafforzando di conseguenza l’offerta di Salesforce, per un ecosistema lavorativo sempre più online e sempre più produttivo.

Le applicazioni sociali targate Manymoon sono utilizzate oramai da oltre 50.000 realtà business per tracciare con la massima libertà ogni tipologia di attività lavorativa e coprono le piattaforme Google Apps Marketplace, LinkedIn e Google Chrome Web Store.

L’acquisizione non inibirà in alcun modo il lavoro del team produttivo e, anzi, ulteriori investimenti e nuove energie saranno indirizzati alla produzione di nuovi strumenti, senza abbandonare ciò che sinora è stato creato. Ad esempio, il tool gratuito Manymoon Standard continuerà ed essere messo a disposizione di utenti vecchi e nuovi, con nuovi aggiornamenti pensati per offrire sempre nuove caratteristiche.

Anche l’approccio al mercato rimarrà invariato: continuerà l’utilizzo delle tre piattaforme consolidate e lo sviluppo di applicativi semplici da installare e utilizzare, in grado di alleggerire il lavoro quotidiano e sempre all’avanguardia per quanto riguarda le tecnologie adottate. Da Salesforce verrà ereditata l’attenzione verso i clienti per quanto riguarda garanzie di sicurezza, performance e supporto.

«Come molte startup, ammiriamo Salesforce.com come la compagnia cloud che ha reso questa industria possibile», scrive il Manymoon team: «Siamo eccitati di essere parte della loro visione cloud, sociale e mobile, di poter utilizzare la loro conoscenza ed esperienza per realizzare App di produttività sociale di prima classe, e di poter offrire nuove possibilità a tutti voi!».

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi