Silverlight in azienda

di Giacomo Dotta

scritto il

Il blog TechNet di Microsoft Italia offre alcune utili indicazioni per quanti nutrono dubbi sull'opportunità di installare Silverlight 4 su dispositivi aziendali

«Buon inizio di settimana a tutti. Volevo fornirvi oggi alcune informazioni utili se state pensando di installare in modo centralizzato Silverlight 4.0 nei computer della vostra azienda». Sono queste le parole di Renato Francesco Giorgini il quale, tramite il blog TechNet di Microsoft Italia, ha elargito alcuni importanti consigli per tutti i tecnici i quali stiano vagliando l’opportunità di installare Silverlight sui device aziendali.

«Il numero dei siti web che utilizzano la tecnologia Silverlight cresce ogni giorno, e in particolare se i vostri utenti non hanno privilegi amministrativi sulle macchine è importante che siate voi a distribuire (e mantenere aggiornato) il runtime di Silverlight nei pc aziendali». Anzitutto v’è l’indicazione della “Silverlight Deployment Guide v4“, guida contenente tutte le informazioni per il supporto alla procedura che si intende portare avanti.

Altro elemento di particolare importanza è nei requisiti minimi di sistema:

  • Windows: processore a 32 bit o 64 bit da almento 1,6-gigahertz (GHz) e 512-MB di memoria RAM
  • Macintosh (Intel): Intel Core Duo a 1,83-gigahertz (GHz) e almeno 512 MB RAM

Una volta scaricato l’installer da 5MB, si può quindi procedere all’installazione tramite 4 differenti modalità:

  • «tramite Windows Server Update Services (WSUS), approvando il package di installazione di Silverlight nella categoria “Feature Packs” sotto Updates All Updates»;
  • «utilizzando System Center Configuration Manager (SCCM) e Windows Server Update Services (WSUS), sfruttando l’integrazione di SCCM con WSUS per determinare la lista degli update disponibili ed abilitando via SCCM l’installazione del package di Silverlight»;
  • «utilizzando Systems Management Server (SMS) o System Center Essentials (SCE) e la loro funzionalità di determinare da Microsoft Update la lista dei package di aggiornamento disponibili»;
  • «per i client che utilizzano direttamente Microsoft Update senza usare WSUS o SCCM, abilitando l’opzione per l’installazione automatica dei package contrassegnati come “Importanti”»;

Un consiglio particolare, infine, è dedicato alla specifica realtà delle PMI: «Vorrei sottolineare che, anche se lavorate in una azienda molto piccola, potete sfruttare le funzionalità di Windows Server Update Services (WSUS) per distribuire gli aggiornamenti dei prodotti Microsoft all’interno della vostra rete aziendale. WSUS è uno dei componenti di Windows Server, e potete scaricarlo gratuitamente dal Download Center Microsoft».