Tratto dallo speciale:

Banda larga, copertura completa entro il 2012

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Nonostante il congelamento degli 800 milioni di euro previsti per la banda larga, entro il 2012 la copertura dovrebbe essere totale. Lo promette il ministro per i Rapporti con il Parlamento, che crede nei nuovi programmi

Obiettivo, superamento del digital divide, che deve essere superato per consentire a tutti gli utenti italiani equità in termini di connettività e accesso alle informazioni in Rete: entro il 2012 tutto il territorio dovrebbe essere coperto, alla luce dei progressi dell’ultimo anno, in cui il gap tecnologico è stato annullato per 2,6 milioni di utenti.

Sono le considerazioni del Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito alquestion time di ieri alla Camera.

Nonostante il blocco degli 800 milioni di euro previsti e l’assenza di interventi nella Finanziaria 2010, gli enti locali hanno completato diversi progetti di diffusione delle infrastrutture a banda larga, per una spesa totale di 135 milioni di euro.

Buone notizie per l’estate, in virtù della legge 69 del 2009, che porterà nuovi investimenti e un programma da 200 milioni di euro.

Sul tema si esprime per Telecom Franco Bernabè, che rilancia la disponibilità nella condivisione delle infrastrutture e conferma l’impegno per un sistema più efficiente.

Gli altri operatori non stanno a guardare e convergono verso la realizzazione di una rete in fibra ottica alternativa a Telecom, che già è stata anticipata sottosegretario allo Sviluppo economico, Paolo Romani, e che sarà presentata oggi alla stampa: “2010 Fibra per l’Italia“, promotori Fastweb, Vodafone e Wind. Prevede il cablaggio in fibra ottica per 15 delle principali città italiane per un investimento di circa 2,5 miliardi di euro.

I Video di PMI