Wi-fi in crescita: +40% le distribuzioni chipset

di Redazione PMI.it

scritto il

Mobile PC, cellulari dual mode, dispositivi multifunzione. Queste le principali applicazioni commerciali per i chipset Wi-Fi, in crescita del 40% rispetto al 2006

Le distribuzioni di chipset Wi-Fi raggiungeranno quota 300 milioni a fine 2007 rispetto ai 213 dell’anno precedente, con una crescita media annua complessiva del 40%. Della nuove consegne, poi, il 9,16% sarà destinato all’integrazione in dispositivi mobili dual-mode, ossia ai cellulari che supportano anche la navigazione su rete wireless.

Sono questi i primi dati diffusi dalla Wi-Fi Alliance e basati sulle rilevazioni In-Stat relative al mercato mondiale Wi-Fi.
Fra i driver della crescita, la certificazione Draft 2.0 dello standard IEEE 802.11n rilasciata lo scorso giugno, incentivando così la produzione di chip “garantiti” anche senza dover attendere la versione finale del protocollo, prevista invece per metà 2009.

La presenza del marchio della Wi-Fi Alliance – ottenuto grazie alla certificazione di compatibilità dei componenti wireless con gli standard 802.11x – si sta traducendo in una più solida offerta di mercato, in grado di rispondere ad una domanda che, in larga parte, è di tipo business. Ad oggi, la Wi-Fi Alliance ha certificato circa 140 dispositivi che utilizzano lo standard “draft”.

Secondo gli analisti, accanto al mercato dei pc portatili da connettere alle LAN aziendali, sta emergendo anche quello dei terminali dual-mode cellulare/Wi-Fi, grazie alla graduale diffusione della tecnologia wireless e all’aumentata necessità di lavorare in mobilità, anche via smartphone.Di contro, i dispositivi mobili esclusivamente abilitati alla rete Wi-Fi non interesseranno più dell’1% delle prossime distribuzioni.

La quota più significativa delle consegne di chipset Wi-Fi interesserà essenzialmente i prodotti integrati, come i mobile pc. Allo stesso tempo, tuttavia, tali percentuali sembrano destinate a diminuire in virtù dell’emergere di nuove tecnologie di networking. Ad ogni modo, per un vero boom dell’IEEE 802.11n si dovrà attendere il biennio 2011-2012, quando accanto ai pc anche i cellulari saranno per un terzo a copertura ibrida.