Pope2You, il Papa naviga sul web 2.0

di Francesca Mancuso

scritto il

Grazie al progetto Pope2You, da domani sarà online il nuovo portale, che costituirà il canale do coomunicazione privilegiato tra il Papa e i giovani

Un profilo su Facebook anche per il Papa. Dopo il canale su YouTube, continua l’interesse per la Chiesa alle nuove tecnologie, viste non come una minaccia ma come una possibile strada per l’evangelizzazione. A breve, inoltre, in occasione della 43ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali che si terrà domenica 24 maggio, sarà lanciato un nuovo portale.

Si chiamerà Pope to you e costituirà un canale di comunicazione tra il Papa e i giovani. Obiettivo dell’iniziativa, realizzata dal Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali, «è raggiungere il maggior numero possibile di giovani per veicolare loro i contenuti del messaggio del Papa per la Giornata delle comunicazioni. Un messaggio rivolto in modo particolare alla cosiddetta generazione digitale».

Non è la prima volta che la Chiesa, si accosta alle nuove tecnologie e ai nuovi strumenti della comunicazione. Già Giovanni Paolo II aveva aperto la strada ai nuovi media. Il sito fa parte del progetto Pope2You, che comprende oltre alla presenza del Papa su Facebook altri mondi digitali quali iPhone, grazie ad una specifica applicazione per vedere il Papa sulla piattaforma iPhone e iPod touch, YouTube e Wikipedia. Anche sul telefonino saranno disponibile in tempo reale notizie sull’attività di Benedetto XVI in cinque lingue diverse.

«Pope to you – ha spiegato mons. Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali (Pccs), ? è il primo tentativo valido di un sito che cerca di avere un dialogo propositivo con i giovani sulla linea di quanto indicato dal Papa nel messaggio per la Giornata mondiale ovvero promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia».

Sempre nell’ambito, entro la fine dell’anno uscirà il documento del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali sulle nuove sfide del sistema delle comunicazioni.