HTC Titan e HTC Radar con Windows Phone 7

di Filippo Vendrame

scritto il

All’IFA 2011 di Berlino, anche HTC ha presentato alcune novità  legate ai dispositivi mobili basati sul sistema operativo Windows Phone 7 di Microsoft: <sHTC TITAN e HTC Radar.

HTC TITAN è uno smartphone di fascia alta caratterizzato da uno schermo da ben 4,7 pollici (SLCD a 800 x 480 pixel), un piccolo record per la categoria. Nonostante le dimensioni generose del display, lo smartphone risulta maneggevole e non eccessivamente ingombrante, merito anche dello spessore ridotto (9,9mm).
Il cuore di questo device è la Cpu Qualcomm da ben 1,5 GHz accompagnata da 512MB di ram. Tutta questa sostanza dovrebbe garantire prestazioni d’eccellenza. Lo spazio interno per l’archiviazione dei dati e per l’installazione delle applicazioni è di 16GB e sono presenti tutti i sensori e supporti degni di un prodotto di top class.

La fotocamera posteriore da 8Mpx è stata migliorata e possiede un grandangolo da 28mm oltre che un’apertura del diaframma di f/2.2. Presente anche una fotocamera anteriore per le video chat da 1,3Mpx. Degno di nota la presenza del sistema operativo Microsoft Phone 7 qui in nella tanto attesa release “Mango“.

htc radarMango come tutti i possessori di smartphone Microsoft sanno, porta con se moltissime migliorie come per esempio il multitasking e finalmente dovrebbe permette di rivaleggiare ad armi pari con Android e iOS. HTC TITAN dovrebbe debuttare per il mese di ottobre a circa 649 euro.

HTC Radar è invece uno smartphone di fascia media dotato sempre del nuovo sistema operativo Windows Phone 7 Mango. Caratterizzato da uno schermo da 3,8 pollici, include una Cpu Qualcomm da 1GHz e 512MB di ram. La memoria interna per l’archiviazione di dati e programmi è di 8GB. La fotocamera posteriore sarà  da 5Mpx, mentre quella anteriore è una semplice VGA.

Non mancano anche qui supporti e sensori degni di un terminale moderno. Anche HTC Radar arriverà  per ottobre ad un prezzo stimato in 449 euro.

[youtube I38RGkcA-xk]

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi