Tratto dallo speciale:

Modulo domanda Reddito di Emergenza: come è fatto

di Redazione PMI.it

scritto il

Entra nel vivo il Reddito di Emergenza: come si compila il modulo di domanda di REm predisposto dall'INPS con apposito servizio online.

Nei giorni l’INPS ha attivato la procedura per inoltrare la richiesta del nuovo sussidio REm (Reddito di Emergenza), la misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta dal Decreto Rilancio (Dl n. 34/2020), all’articolo 82, per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

=> Reddito di Emergenza: a chi spetta il REm

Come si accede alla procedura di richiesta REm

Il servizio di domanda è accessibile da questo link e richiede l’inserimento delle proprie credenziali: PIN dispositivo, SPID, CIE, o CNS. Una volta inserite, si aprirà una pagina che illustra nel dettaglio la normativa relativa al Reddito di Emergenza. Una nota ricorda che al momento di presentazione della domanda è necessario aver sottoscritto una dichiarazione ISEE ordinaria, corrente o mini, tuttora in corso di validità.

Sul lato sinistro troviamo una colonna in cui sono disponibili i manuali sul REm e la procedura per la gestione della domanda. Cliccando su “Gestione domanda” si aprirà un menù a tendina con due opzioni: “Acquisizione” e “Lista domande ed esiti”.

=> Reddito di Emergenza e Reddito di Cittadinanza: differenze

Modulo domanda REm: come si compila

Cliccando su “Acquisizione” si accede al modulo di domanda, che si compone di tre quadri.

Cliccando su “Continua”, si accede al “QUADRO A – DATI DEL RICHIEDENTE E DEL TUTORE”, nel quale vanno inseriti i propri dati anagrafici, necessari per la verifica dei requisiti richiesti.

Vanno inseriti anche i dati del tutore se la domanda è presentata in nome e per conto del soggetto incapace da chi ne ha la rappresentanza legale.

In alto il servizio propone diverse opzioni:

  • “Salva bozza”, per salvare i dati inseriti e completare la compilazione della domanda in un secondo momento;
  • “Esci”, per uscire dal servizio;
  • “Continua”, per continuare la compilazione della domanda, accedendo al Quadro successivo (solo se sono stati compilati tutti i campi obbligatori, altrimenti il servizio chiederà di farlo, prima di procedere oltre).

Al “QUADRO B – DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ RELATIVA AL POSSESSO DEI REQUISITI DI LEGGE E MODALITÀ DI PAGAMENTO” bisogna dichiarare di essere in possesso dei requisiti richiesti per accedere al REm, l’eventuale presenza nel nucleo familiare di componenti in stato detentivo e/o componenti ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o in altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica e scegliere la modalità di pagamento, tra bonifico domiciliato (pagamento in contanti allo sportello delle Poste, secondo i limiti previsti dalla normativa vigente), libretto postale e bonifico bancario/postale.

Nella barra in alto da questa schermata in poi è anche possibile tornare indietro, al quadro precedente. Cliccando su “Continua” si accede al “QUADRO C – SOTTOSCRIZIONE DICHIARAZIONE” in cui bisogna leggere e accettare l’Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 e cliccare nella barra superiore sul pulsante “Conferma” per terminare la procedura ed inoltrare la domanda di REm.

La domanda deve essere inviata entro fine giugno, anche avvalendosi dell’assistenza di CAF e patronati. A breve sarà disponibile la circolare esplicativa, con le indicazioni di dettaglio relative alla disciplina della misura.

I Video di PMI

DL Agosto: Guida alle misure fiscali