Tratto dallo speciale:

Lavoro agile nella PA: ecco cosa cambia

di Redazione PMI.it

scritto il

Cambia l’organizzazione del lavoro agile nella Pubblica Amministrazione: meno Smart Working da casa, più spazi condivisi.

La Pubblica Amministrazione è destinata a cambiare e subire una progressiva riorganizzazione in funzione dell’emergenza sanitaria, che prosegue determinando una fase ancora delicata in Italia. Passata la fase 1 e 2, in pratica, si tratta ora di mettere a sistema una nuova modalità di attuazione della prestazione lavorativa che sia di tipo strutturale, in linea però con i reali modelli operativi del lavoro agile, basato sul concetto di flessibilità e di lavoro per obiettivi, non sul semplice lavoro a distanza, e neppure necessariamente da casa.

Se finora il lavoro agile nella PA è stato svolto soprattutto da remoto, da ora in avanti lo Smart Working sarà meno massivo e con differenze determinate anche dai dirigenti, cui faranno capo l’organizzazione e l’individuazione delle attività che si potranno svolgere in modalità agile. Dunque, non lavoro da casa “per tutti” ma gestione flessibile di tempi e attività in base alle funzioni, alle attività, alle persone.

Ad annunciarlo è Fabiana Dadone, a capo della Funzione Pubblica, durante un intervento televisivo ad Agorà Estate su Rai 3.

Sarà il vero lavoro agile che viene applicato anche agli altri Paesi europei.

=> Lavoro agile: stato dell'arte post Covid

In base anche alle eventuali risorse che arriveranno dal Recovery Fund, si cercherà dunque di riorganizzare una parte dei lavoratori. Secondo quanto affermato da Dadone, inoltre, lo Smart Working a regime nella PA sarà basato sui risultati e sarà un lavoro agile che non prevede cinque giorni su cinque a casa.

Una gestione di spazi comuni, magari anche la possibilità di uno o due giorni a settimana di lavoro non necessariamente tra le mura domestiche. Stiamo pensando a luoghi condivisi come poli dell’innovazione.

I Video di PMI

Smart working: la normativa