Inventiamo una banconota: il MIUR premia le scuole

di Teresa Barone

scritto il

MIUR e Banca d?Italia lanciano un concorso nelle scuole primarie e secondarie: 10mila euro per realizzare una banconota immaginaria.

MIUR e Banca d?Italia promuovono un concorso a premi che coinvolge le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie, sia in Italia sia all?estero: con “Inventiamo una banconota? gli studenti sono invitati a realizzare il bozzetto di una nuova banconota immaginaria ispirata ai valori e alla storia dell?Europa.

=> Leggi perché l?Ocse ha bocciato il programma italiano per la scuola digitale

Il regolamento del concorso, che riguarda l?anno scolastico 2013-2014, prevede l?invio dei bozzetti cartacei realizzato utilizzando tecniche tradizionali da parte delle scuole primarie, mentre gli istituti secondari possono creare elaborati grafici attraverso l?uso delle tecnologie digitali.

Sarà selezionato un progetto vincitore per ciascuna categoria in gara: in palio un contributo di 10mila euro per la scuola spendibile in materiale didattico, oltre alla possibilità di partecipare alla premiazione presso l?Amministrazione Centrale della Banca d?Italia.

Le scuole possono inviare i progetti fino al 31 gennaio 2014, seguendo le indicazioni pubblicate sul sito ufficiale dell?iniziativa dove sono illustrate le finalità del concorso:

«Gli studenti coinvolti nel progetto, sotto la guida degli insegnanti, potranno confrontarsi e prendere contatto con l?attività di fabbricazione delle banconote nonché arricchire le proprie conoscenze sul biglietto di banca, considerandolo nella sua accezione più ampia quale veicolo di trasmissione di messaggi e di valori, e non solo come mero segno monetario. Il progetto deve rispettare le caratteristiche tecniche fornite, che costituiscono parte integrante del bando; è ispirato a un tema di fondo legato all?Europa. L?iniziativa intende anche incoraggiare i giovani ad acquisire e condividere consapevolmente i valori della cittadinanza economica.»

=> Scopri le iniziative del MIUR per gli studenti fuori sede