Privacy e Web: italiani insoddisfatti

di Teresa Barone

scritto il

Gli italiani conoscono e sfruttano poco gli strumenti per tutelare la propria privacy in Rete e chiedono il diritto all?oblio: i dati del Censis.

Solo il 7,5% degli italiani ritiene sufficienti le attuali regole che garantiscono la tutela dei dati personali su Internet: una percentuale che mostra un notevole scetticismo, celando anche una scarsa conoscenza degli strumenti utilizzabili per tutelarsi anche in Rete.

=> Scopri le regole del Garante per proteggere i dati online sulla salute dei cittadini

È il Censis a rivelare queste cifre nel corso della presentazione del rapporto dedicato a “Il valore della privacy nell’epoca della personalizzazione dei media?, documento che illustra anche come oltre la metà degli italiani, il 54%, vorrebbe regole più severe soprattutto in materia di “diritto all?oblio?, rendendo possibile e legittima la cancellazione dal Web delle informazioni personali relative al passato (compresi commenti e immagini) che a distanza di tempo potrebbero compromettere la propria reputazione, soprattutto se non più indispensabili per garantire il diritto di cronaca.

=> Leggi le linee guida del Garante della Privacy per il trattamento di dati personali

Allo stesso tempo, tuttavia, il Censis rivela una scarsa dimestichezza con gli strumenti di fatto disponibili per difendere la propria privacy in Rete, tanto che solo poco più del 40% degli utenti in grado di settare al meglio le impostazioni di visibilità all?interno dei social network per limitare la diffusione dei contenuti.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!