Creare un logo

di Chiara Basciano

scritto il

Dare spazio alla ricerca e al messaggio e meno al lato creativo.

Per avviare un’impresa bisogna guardare a diversi fattori, non ultimo la creazione di un logo funzionate. Per farlo è bene rivolgersi ad esperti del settore, perché le cose da tenere in considerazione sono più di quanto si possa pensare.

=> Vai al logo perfetto

Patrizia Parca, Graphic Designer di Powerlogo, svela quanta mitologia ci sia dietro la creazione del logo, per cui servono cognizioni di psicologia così come conoscenza del mercato molto più del tanto osannato lato creativo. La Parca infatti spiega come guardare alla creatività spesso allontani dall’obiettivo. In particolare spiega che durante la creazione di un logo non bisogna pensare di esprimere il proprio talento, ma ci si deve concentrare sul messaggio che si vuole trasmettere.

=> Scopri l’importanza del colore

Inoltre non bisogna mitizzare la creatività, come spesso succede nelle agenzie di grafica, infatti dice che «Un corretto approccio dovrebbe prevedere di partire dalla ricerca (magari altri hanno trovato già soluzioni o idee migliori delle nostre), da un brief accurato e dal posizionamento del brand, elemento essenziale ed imprescindibile per poter iniziare a lavorare ad un logo. Il design è intrecciato strettamente a quello che succede nella nostra mente e nel nostro cervello quando guardiamo e riceviamo stimoli, visivi o emotivi, per questo bisognerebbe dare più spazio alle neuroscienze e alla psicologia e meno al mito ingenuo della creatività. Nel design e nel progettare un logo l’attenzione si dovrebbe concentrare nel comunicare correttamente e con la forza emozionale dell’immagine quello che è il posizionamento del brand».