Controllare un progetto

di Chiara Basciano

scritto il

Stabilire se si sta lavorando bene tramite un controllo organizzato del progetto.

Definire un progetto comporta una valutazione dei rischi e un’analisi in dettaglio delle varie fasi, eppure nonostante il lavoro di progettazione sia molto accurato può accadere che durante l’attuazione del progetto ci si discosti da esso.

=> Vai all’importanza del project manager

Per questo risulta vitale controllare periodicamente il suo andamento. L’analisi deve avere una tempistica equilibrata, se fatta troppo spesso rischia di non dare il quadro generale della situazione e di far sprecare solo risorse, se fatta con tempi troppo dilatati rischia di non prevenire eventuali problemi.

=> Scopri le tecniche di gestione

L’obiettivo di questo tipo di controllo è infatti proprio quello di saper prevedere eventuali rischi di fallimento mettendo in campo nuove risorse o prendendo nuove strade per aggiustare il tiro. Per favorire un controllo utile è bene che il progetto sia analizzato a più livelli, facilmente gestibili e controllabili, per esempio dividendo il progetto stesso il diverse fasi o sotto progetti. Il punto di partenza deve essere sempre un progetto realisticamente realizzabile, dettagliato a sufficienza per poter essere compreso anche da parte di chi non ha partecipato all’attività di pianificazione.

=> Leggi quattro elementi per controllare

Per l’analisi bisogna avere accesso ad informazioni sempre aggiornate che mostrino l’avanzamento dei lavori e l’utilizzo delle risorse. Un ruolo fondamentale è costituito di tutti i facenti parte al progetto, infatti sono le risorse umane a dover avere uno sguardo lucido e a procurare le giuste informazioni sull’andamento del lavoro. Per questo la squadra deve conoscere bene il progetto, le sue fasi e le sua finalità, in modo da notare subito eventuali allontanamenti dal piani prestabilito.