Finanziamenti: in Alto Adige un bando per l’innovazione

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Provincia di Bolzano: a disposizione un finanziamento di 3,2 milioni per le aziende che faranno ricerca, sviluppo o innovazione nel campo industriale.

L’assessorato all’Innovazione della provincia autonoma di Bolzano ha reso noto di aver pubblicato un bando di concorso per la concessione di contributi per la ricerca. Il finanziamento, in particolare, si riferisce al settore industriale, allo sviluppo sperimentale e all’innovazione di processo.

La somma messa a disposizione è di 3,8 milioni di Euro, di cui 3,2 a favore della Ricerca & Sviluppo (R&S) e 600.000 destinati all’innovazione di processo nei settori commercio, servizi e turismo.

“L’Alto Adige vuole essere competitivo nei settori più all’avanguardia” ha commentato Thomas Widmann, assessore provinciale all’Economia. “Per questo motivo abbiamo scelto una politica incentvante nei confronti di aziende motivate a innovare e investire in ricerca. Noi offriamo contributi reali, adottiamo infatti le percentuali massime previste dai regimi di esenzione approvati dall’Unione Europea e siamo arrivati a percentuali di contribuzione media intorno al 50%”.

Il bando si rivolge a piccole, medie e grandi imprese, consorzi, associazioni, collaborazioni con centri di ricerca che intendano avviare progetti in due campi:

  Tecnologie relative a risorse sostenibili: energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia ecosostenibile, tecnologie ambientali, mobilità ecosostenibile, sistemi di trasporto e logistica per servizi di vicinato, tecnologie per l’ambiente alpino, benessere, salute e alimentazione.

–  Tecnologie trasversali quali informatica e comunicazione, microelettronica, elettronica, micro robotica, meccatronica, nuovi materiale e nano-tecnologie con una particolare attenzione alle applicazioni nei settori tradizionali dell’economia altoatesina.

Sono finanziabili i seguenti costi:

– costi del personale

– costi di strumenti e attrezzature nella misura e per la durata in cui sono usati per il progetto di ricerca

– costi per la ricerca contrattuale, per le competenze tecniche ed i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza

– spese per materiali

– altri costi di esercizio, forniture e prodotti analoghi

–  spese generali fino al 5% dei costi totali ammissibili del progetto

I progetti dovranno essere consegnati entro il 15.12.2011. Seguirà  una valutazione da parte del comitato di selezione e la pubblicazione dei vincitori in una graduatoria di merito. I fondi saranno erogati sino ad esaurimento.

I Video di PMI