HP licenzia 27mila dipendenti

di Assunta Corbo

scritto il

Hp conferma il licenziamento di 27mila dipendenti entro la fine del 2014, nell'ambito di un piano di ristrutturaizone dell'azienda di computer.

Riorganizzare le attività: questo l’obiettivo del piano di ristrutturazione messo a punto da Hewlett-Packard per affrontare il difficile momento economico. Il piano, già annunciato nelle scorse settimane e ora confermato, comporterà il licenziamento di 27mila dipendenti entro la fine dell’anno fiscale 2014.

In pratica l’8% della forza lavoro totale dell’azienda attualmente composta da circa 350mila persone in tutto il mondo. I tagli al personale consentiranno di risparmiare tra 3 e 3,5 miliardi di dollari. Si tratta di tagli che figurano  come i più sostanziosi mai operati dall’azienda nei suoi 73 anni di storia. L’azienda di Palo Alto spera di evitare i licenziamenti, come molti, offrendo pacchetti di pensionamento anticipato. Buona parte dei soldi messi da parte verranno impiegati per investimenti nella società e in particolare nel cloud computing, immagazzinamento dati e sicurezza. Oltre ad accorpare le attività core nei personal computer e nelle stampanti, Hp ha anche eliminato alcune divisioni non core e concentrato le altre in strutture semplificate.

Cosa ha portato a definire questo piano così importante? Sicuramente il calo dell’utile pari al 31% registrato dalla società californiana in seguito alla crisi delle vendite dei pc e al calo del 10% di fatturato per quanto riguarda fatturato di quella che si occupa di stampanti. Complici della situazione attuale quindi è la sempre maggiore popolarità di smartphone, iPad e altri apparecchi mobili che stanno facendo crollare le vendite dei personal computer tradizionali.

I profitti sono scesi a 1,59 miliardi di dollari, pari a 80 centesimi per azione, dai 2,3 miliardi di dollari, 1,05 dollari per azione, dello stesso periodo dell’anno scorso mentre a febbraio l’azienda aveva previsto utili tra 88 e 91 centesimi per azione, al di sotto delle stime degli esperti. Al netto degli ammortamenti e dei costi di ristrutturazione, l’Eps è sceso a 0,98 dollari dagli 1,24 del secondo trimestre fiscale dello scorso anno. Gli analisti di aspettavano 0,90 dollari. Invece il giro d’affari è calato del 3% a 30,69 miliardi di dollari, al di sopra dei 29,92 miliardi previsti dagli analisti, con un margine operativo passato dal 9,4% al 7,2%.

Per il terzo trimestre HP prevede utili tra 94 e 97 centesimi per azione a fronte degli 1,02 dollari stimati in media dagli analisti interpellati da Thomson Reuters. L’azione Hewlett-Packard nelle contrattazioni pre-mercato a Wall Street sale dell’9%.