Sviluppo internazionale per Recordati

di Roberto Rais

scritto il

Crescono i risultati della farmaceutica Recordati, che con l'aquisizione della polacca Forma Projekt punta sui mercati internazionali.

La società farmaceutica Recordati ha reso noto di aver acquistato la Forma Projekt, azienda polacca che nel corso del 2011 è riuscita a registrare un fatturato di circa 11,5 milioni di euro. La transazione di acquisto, stando a quanto ricorda il gruppo, si è conclusa per una cifra vicina ai 17,3 milioni di euro, interamente finanziati con la liquidità che era a disposizione nelle ampie casse di Recordati.

Per quanto concerne un miglior profilo della società target, l’azienda polacca conta 135 dipendenti, e denota una discreta quota di mercato farmaceutico nella macrozona. Il presidente e amministratore delegato di Recordati, Giovanni Recordati, ricorda infatti come “la Polonia rappresenta il secondo mercato farmaceutico dell’Europa centro orientale con una estesa popolazione e una forte richiesta di farmaci. Negli ultimi cinque anni il mercato farmaceutico polacco è cresciuto in media del 6,8% all’anno, e in particolare il mercato dell’automedicazione è cresciuto mediamente dell’11,2%”.

Considerate le ultime riflessioni della società, sembra che non vi sia da stupirsi dell’ultima mossa di shopping estero di Recordati. L’azienda ha infatti recentemente presentato la sua ultima semestrale, evidenziando come i risultati siano stati in forte crescita, e siano stati sostenuti proprio dalle attività internazionali. In merito, particolarmente dinamica è stata la crescita della presenza della società in Turchia, mentre è stata giudicata come estremamente soddisfacente la prestazione in Russia, dove la società ha lanciato i prodotti di ricerca con proprio brand. Nella prima parte dell’anno Recordati ha altresì investito 21 milioni di euro per l’acquisizione di sei farmaci otc nel mercato tedesco.

In termini più specifici, i ricavi di Recordati sono cresciuti del 4,7%a 419,9 milioni di euro, con le attività internazionali migliorate del 9,1%. L’utile operativo è stato pari a 90,2 milioni di euro, in aumento del 2,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un’incidenza sui ricavi del 21,5%. L’utile netto è stato pari a 63,3 milioni di euro, in linea per poter arrivare all’obiettivo di fine anno, pari a 120 milioni di euro.

Sempre Recordati – ricordiamo – fa parte del ristretto cluster (composto da Campari, Tod’s, Tenaris e Luxottica) delle migliori società che, nel 2011, hanno realizzato una prestazione migliore in termini di redditività, con rapporto tra margine operativo (netto) e fatturato pari al 21,7%.

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti