Fmi, in calo il PIL di Italia ed Eurolandia

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Il Fondo Monetario Internazionale, per il 2012 prevede un PIL in diminuzione sia in Italia sia in Eurolandia, anche se nel 2013 andrà un po' meglio.

l Fondo Monetario Internazionale ha reso noto oggi le stime sull’andamento dell’economia mondiale per l’anno in corso e per l’intero 2013. Per quanto riguarda l’Italia, ci sono luci (poche) e ombre (molte) che non fanno ben sperare per il breve periodo.

La prima notizia è che il rapporto tra deficit e PIL è previsto in miglioramento, al punto che solo la Germania farà meglio di noi: dal 2,7% previsto per il 2012, potrebbe passare all’1,8% del 2013, percentuali comunque in leggero peggioramento rispetto alle stime di aprile. Molto meglio andrà invece la Germania, dove l’indebitamento netto toccherà lo 0,4% sia nel 2012 sia nel 2013.

Se la passeranno peggio Francia, Portogallo, Spagna, Grecia e Irlanda le cui percentuali del 2012 saranno rispettivamente del 4,7%, del 5%, del 7%, del 7,5% e dell’8,3%. Anche qusti Paesi, però, miglioreranno del 2013 visto che le percentuali saranno del 3,5%, del 4,5%, del 5,7%, del 4,7% e del 7,5%.

Le stime del Fmi indicano anche che nel 2012 il mondo crescerà del 3,3%, mentre l’Italia sprimenterà una recessione che si concretizzerà con un calo del 2,3% del PIL, che rallenterà nel 2013 quando si potrebbe fermare a -0,7%. Oltre al PIL, peggiorerà anche il mercato del lavoro che a livello nazionale vedrà una disoccupazione in costante ascesa visto che si passerà dall’8,4% del 2011 al 10,6% del 2012 fino all’11,1% del 2013 in linea con la media dei Paesi dell’area Euro, che nel prossio anno toccherà l’11,5%, cno la Francia al 10,5% e la Germania al 5,3%.

Mal comune mezzo gaudio? Forse: fatto sta che la somma dei PIL dei Paesi che hanno adottato l’Euro nel 2012 sarà dello 0,4% inferiore a quello del 2011 ma anche a quello del prossimo anno, che il Fmi stima in crescita di un modesto ma significativo 0,2%.