Monti, mercato unico Ue a rischio disintegrazione

di Carlo Lavalle

scritto il

Il premier Monti, intervenuto alla sessione d'apertura della "Single Market Conference" promossa dalla Ue, teme per il futuro del Mercato unico.

Il mercato unico “rischia di tornare indietro e di disintegrarsi”. Sono le parole allarmate del presidente del Consiglio italiano Mario Monti, intervenuto in diretta in video-conferenza via web durante la sessione d’apertura della “Single Market Conference”, promossa dalla Commissione europea a Bruxelles per celebrare il 20° anniversario della prima direttiva sul mercato unico del 1992.

La crisi economica in corso è divenuta un fattore di frammentazione e si sono determinate forti disparità tra i vari Paesi membri dell’Unione europea a causa di spread eccessivi tra titoli di Stato che consentono solo ad alcuni di accedere al credito a condizioni vantaggiose sul mercato pur avendo la stessa affidabilità di altri.

Secondo il premier italiano è indispensabile compiere sforzi ulteriori per difendere e portare a compimento il mercato unico.

Ci sono in atto tendenze regressive che possono compromettere il raggiungimento di questo obiettivo. “Di recente si è assistito – argomenta Monti – ad un ritorno di atteggiamenti protezionistici verso lavoratori che vengono da altri stati membri o anche verso merci importate da altri paesi Ue e a causa del timori di una disintegrazione del mercato unico e banche hanno quasi smesso di prestarsi reciprocamente nel mercato interbancario attraverso le frontiere”.

Per impedire passi indietro irrimediabili è necessario accelerare “verso una maggiore integrazione del mercato finanziario, creando un meccanismo di supervisione unico, affiancato nel tempo da regole armonizzate sulle garanzie dei depositi bancari e dalla fine della crisi del sistema bancario. E’ importante – ha aggiunto Monti – consolidare le decisioni del Consiglio di giugno sulla stabilizzazione del mercato dei titoli sovrani e sulla ricapitalizzazione diretta delle banche da parte dell’Esm non appena il Meccanismo di Supervisione unica è creato e funzionante”.

Procedere sulla strada del mercato unico è fondamentale “per la ripresa dell’economia ed è la via migliore per facilitare l’assorbimento degli squilibri macro economici nella zona Euro”.