Alitalia: 690 esuberi e risparmi per 30 milioni

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

In un confronto coi sindacati, il CEO Alitalia Andrea Ragnetti ha comunicato che la compagnia aerea taglierà 690 posti di lavoro, risparmiando 30 mln.

I vertici di Alitalia, con il CEO Andrea Ragnetti, hanno reso noto ai sindacati il piano industriale dell’azienda, che prevede 690 esuberi di personale e un risparmi valutato in 30 milioni di euro annui. I licenziamenti interesserebbero 300 assistenti di volo, 300 dipendenti impiegati a terra e 90 addetti alla manutenzione degli aerei.

Contrari e contrariati i sindacati, che hanno rimandato alle prossime settimane – in occasione di un successivo incontro – qualunque decisione sulle azioni da intraprendere

La comunicazione di un nuovo taglio di personale arriva a 24 ore dalla fine della cassa integrazione per i 3.500 dipendenti della vecchia Alitalia, che ora rientreranno nella mobilità. Molto duri i sindacati: “A 4 anni dalla privatizzazione della vecchia Alitalia e dalla nascita di Cai, i dipendenti stanno ancora pagando le conseguenze. La vecchia compagnia aerea andava legata a un vettore internazionale in modo da attenuare le difficoltà della crisi del trasporto aereo che ha portato migliaia di lavoratori a restare senza lavoro“.

“I vertici della compagnia ci hanno presentato un piano – ha detto Giovanni Luciano, segretario generale della Fit-Cisl – che tiene conto delle difficoltà del trasporto aereo e dell’Alitalia, con 690 esuberi, che noi abbiamo unanimemente rimandato al mittente. La trattativa con l’azienda è solo all’inizio”.

Oltre ai 3.500 del vecchio vettore, nel 2011 altri 700 sono finiti in cassa integrazione con la nuova Alitalia. A questi, si aggiungono questi ulteriori 690 di cui è stato reso noto oggi. La misura segue la rincorsa di un profitto che manca ad arrivare da quando il nuovo vettore è stato privatizzato 4 anni fa.

Il CEO Andrea Ragnetti, comunque, punterà anche ad aumentare i ricavi per rilanciare il vettore in modo da portare a un margine operativo positivo già nel 2013.