Buste paga gonfiate e reato di dichiarazione fraudolenta

di Teresa Barone

scritto il

Dichiarare una busta paga superiore al reale per pagare meno tasse è reato: si parla però di dichiarazione fraudolenta con artifici.

Il datore di lavoro che contabilizza buste paga superiori rispetto a quanto realmente percepito dai dipendenti si macchia del reato di dichiarazione fraudolenta attraverso l’uso di artifici e non di documenti falsi.

=> Scopri quando la minaccia di licenziamento diventa estorsione

Lo ha dichiarato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 36900 del 9 settembre 2013, inquadrando questo tipo di comportamento illegittimo proprio come frode fiscale con artifici.

Nella dichiarazione dei redditi non sono stati infatti indicati elementi passivi fittizi ma operazioni esistenti, anche solo parzialmente, per cui l’amministratore dell’azienda non può essere condannato per frode fiscale fraudolenta proprio perché il rapporto di lavoro è esistente anche se al dipendente è stato corrisposto uno stipendio minore rispetto a quello dichiarato, con conseguente evasione d’imposta.

=> Scopri quando l’assunzione diventa concorrenza sleale

La prestazione lavorativa che giustifica la busta paga è stata effettuata realmente, pertanto i giudici della Corte di Cassazione ritengono che non sia possibile parlare della dichiarazione di operazioni inesistenti in tutto o in parte, come anche di dichiarazioni che riferiscano l’operazione a un soggetto differente da quelli effettivo.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso