Licenziamento: attenzione alle pause caffè

di Teresa Barone

scritto il

Troppe pause caffè possono giustificare il licenziamento? e il controllo a distanza del dipendente.

Se il lavoratore dipendente opera fuori dalle mura dell’ufficio, l’azienda può legittimamente controllare i suoi spostamenti e comportamenti, anche attraverso un sistema Gps.

=> Normativa sul licenziamento per assenze ingiustificate

Lo afferma la Corte di Cassazione annoverando questo tipo di verifiche a distanza tra i “controlli difensivi” (sentenza 20440/2015).

Il datore di lavoro è anche legittimato a licenziare il dipendente che, proprio grazie al monitoraggio a distanza, ha rivelato una condotta ingiustificata, ad esempio concedendosi troppe pause caffè in orario di lavoro.

Secondo i giudici, infatti, il lavoratore può ovviamente sospendere brevemente l’attività lavorativa per soddisfare le sue “necessità fisiologiche”, tuttavia questi break non devono compromettere la qualità del lavoro e, soprattutto, ledere l’immagine aziendale. Più precisamente:

«La determinazione della collocazione e della durata delle pause non può essere rimessa al totale arbitrio del lavoratore.»

=> Come superare un licenziamento