Licenziamento: limiti del controllo a distanza

di Teresa Barone

scritto il

I dati sul controllo a distanza non possono essere utilizzati come prova della condotta irregolare e non legittimano il licenziamento.

Il datore di lavoro non è legittimato a licenziare un dipendente utilizzando i dati del controllo a distanza per provare una condotta irregolare.

=> Licenziamento tardivo e illegittimo

Anche il monitoraggio condotto a distanza, quindi, deve sottostare a precisi limiti e garantire sempre il rispetto della dignità di una persona: lo sottolinea la Corte di Cassazione (con la sentenza

19922/2016), ricordando la necessità di applicare la tutela prevista dall’art. 4, comma 2 legge 300/70 (Statuto dei lavoratori).

La Cassazione precisa:

«L’effettività del divieto di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori richiede che anche per in cosiddetti controlli difensivi trovino applicazione le garanzie dell’art. 4 secondo comma legge n. 300/70; ne consegue che, se per l’esigenza di evitare attività illecite o per motivi organizzativi o produttivi, il datore di lavoro può installare impianti o apparecchi di controllo che rilevino anche dati relativi alla attività lavorativa dei dipendenti, tali dati non possono essere utilizzati per provare l’inadempimento contrattuale dei lavoratori medesimi.»

=> Licenziamento per assenze ingiustificate