Colloquio: domande gradite ai recruiters

di Teresa Barone

scritto il

Anche le domande che il candidato pone in fase di colloquio aiutano nella valutazione.

Non solo rispondere alle domande del potenziale datore di lavoro o del recruiter: il colloquio di lavoro richiede anche una certa capacità, da parte del candidato, di porre alcuni quesiti finali che per il “selezionatore” rappresentano una ulteriore opportunità di valutazione.

=> Domande critiche nel colloquio di lavoro 

Molti candidati, infatti, formulano domande inappropriate nel corso del colloquio, mostrando interesse esclusivamente per il compenso e dimenticando che l’invito a chiedere informazioni o chiarimenti fa parte del processo di selezione.

Quali sono le domande che un aspirante nuovo assunto dovrebbe porre? Informarsi sulla formazione, sulle opportunità di aggiornamento e di crescita, ad esempio, denota interesse al proprio sviluppo professionale che rappresenta certamente un punto a favore del candidato.

Anche interessarsi agli strumenti di valutazione delle prestazioni dei dipendenti, inoltre, indica la volontà di impegnarsi al massimo per ottenere performance elevate e in linea con gli standard aziendali.

=> Il colloquio, questione di look 

Da apprezzare è anche il candidato che si informa su chi sarà il suo diretto responsabile, così come sul periodo di tempo medio che trascorre tra il colloquio e un’eventuale proposta di assunzione.

Infine, anche la richiesta di poter contattare il recruiter in seguito in caso di ulteriori richieste di informazioni è da valutare positivamente.