Montezemolo lascia la presidenza di Ntv

di Carlo Lavalle

scritto il

Treni NTV: dopo 6 anni alla guida del gruppo privato dell'alta velocità, Montezemolo si dimette da presidente, anche se rimane nel cda.

Luca Cordero di Montezemolo si è dimesso da presidente di Ntv (Nuovo Trasporto Viaggiatori), la società privata fondata nel 2006 che gestisce il trasporto ferroviario ad alta velocità.

Al suo posto è subentrato Antonello Perricone, nominato dal consiglio di amministrazione. Alla base della decisione ci sono i crescenti impegni professionali assunti dal top manager che, come lo stesso Montezemolo dichiara in una nota diffusa alla stampa, impongono “un passo indietro che mi è permesso oggi che l’azienda è pienamente operativa”.

Lasciando l’incarico, il dirigente italiano, che in ogni caso resterà azionista e membro del cda, rivendica il merito di aver aperto il settore dei treni alla concorrenza. Con questo servizio, afferma Montezemolo, “il mercato è cresciuto, i cittadini possono scegliere e i prezzi sono scesi del 30%. Se fosse esteso alle merci e al trasporto regionale, dove si viaggia sui carri bestiame, ne trarrebbero beneficio la qualità del trasporto e i cittadini, che avrebbero un servizio migliore a prezzi migliore”.

“Ho l’orgoglio – aggiunge – di avere contribuito a creare dal nulla un’azienda che rappresenta oggi un’importante realtà imprenditoriale in Italia e in Europa. Un miliardo di euro di investimenti, mille persone di età media sotto i 30 anni, assunte a tempo indeterminato e un promettente successo commerciale, malgrado tante difficoltà”.

Il board di Ntv rammaricandosi per le dimissioni ha ringraziato l’avvocato Montezemolo “per il grande contributo dato alla costruzione di questa nuova realtà del trasporto ferroviario europeo”. Il cda ha espresso riconoscenza anche al vicepresidente Cannatelli che ha lasciato le deleghe operative come da mandato, essendo terminata la fase di avvio della società.

Montezemolo attualmente è presidente della Ferrari ed è consigliere di amministrazione di PPR (Pinault/Printemps Redoute) e Tod’s.