Industria: il nuovo CCNL per i Dirigenti

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Rinnovato il CCNL per i dirigenti aziendali: le novità ed i sacrifici per i dirigenti.

È stato Firmato il verbale di accordo per il rinnovo del CCNL per i Dirigenti delle aziende industriali che partirà il 1° gennaio 2015 e scadrà il 31 dicembre 2018. Sono stati modificati alcuni punti del vecchio testo del 2009, dove si prevedono sacrifici anche per i dirigenti. Nel testo è stato inserito un ridimensionamento delle tutele del dirigente in fase di cessazione del rapporto di lavoro, ma tutte le variazioni apportate hanno in comune il collegamento con il criterio dell’anzianità, in base a cui le varie tutele sono graduate:

  • a tutti i dirigenti che, al 1° gennaio 2015, abbiano maturato un’anzianità di servizio nella qualifica e nell’azienda pari o inferiore a 12 mesi, viene riconosciuto il livello di “trattamento minimo complessivo di garanzia” pari a euro 66.000,00;
  • a tutti i dirigenti che, al 1° gennaio2015, abbiano maturato un’anzianità di servizio nella qualifica e nell’azienda superiore a 12 mesi, il parametro di TMCG viene determinato aumentando il TMCG di euro 63.000,00 di un importo pari a 1/72 di euro 17.000,00 per ogni mese di anzianità di servizio.

=> Controversie di lavoro: la conciliazione nei CCNL

Per effetto di tale norma, il TMCG così determinato, da valere dal 2015 per i dirigenti con almeno 6 anni di anzianità al 1° gennaio del 2015, non può superare l’importo di 80.000 euro.

Inoltre è stato riscritto l’articolo 6 bis dedicato ai compensi variabili collegati ad indici e/o risultati (individuali e/o aziendali). Nel nuovo testo della norma si legge, infatti, che i datori di lavoro che riconosceranno trattamenti economici individuali non superiore al valore del TMCG applicabile, dovranno adottare sistemi di retribuzione per obiettivi, previsti con appositi piani aziendali o, in mancanza, utilizzare uno dei 3 modelli di incentivazione allegati al vecchio CCNL del 2009. L’introduzione di questi sistemi di retribuzione sono diventati obbligatori, per i dirigenti ai quali le aziende applicano retribuzioni complessivamente non superiori ai TMCG.

Per quanto riguarda la disciplina transitoria il nuovo testo stabilisce che i dirigenti già in servizio il 24 novembre 2004 che non hanno già maturato il massimo di 10 aumenti di anzianità, continuerà a ricevere un un importo mensile lordo in cifra fissa pari a euro 139,11.

Infine è stato confermato il rimborso di spese non documentate per quanto riguarda le trasferte e le missioni per un importo pari a 85,00.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari