Le lingue d’oro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Parlare più lingue è un elemento che aiuta nel lavoro, ecco le lingue che serviranno di più nel futuro.

Essere un buon lavoratore significa saper compiere il proprio lavoro, qualsiasi esso sia, possibilmente con passione e motivazione. Si sa spesso che però non accade, non per colpa del lavoratore, ma per milioni di dinamiche, un lavoro che non piace, una retribuzione non sufficiente, mansioni poco inerenti per il lavoro scelto. Tutto ciò fa pensare agli elementi necessari per trovare proposte di lavoro migliori ed il lavoro che piace.

=> Lingue e lavoro 

Per entrare in un mondo lavorativo più ampio bisogna però rimboccarsi le maniche, per imparare al meglio tutto ciò che serve per lavorare. Naturalmente ciò riguarda le proprie passioni, ma ci sono altre informazioni da capire e poi da sfruttare, che mette in luce sia il mondo del lavoro e sia i lavoratori utili per migliorarsi, tra tante spicca una, la conoscenza delle lingue.

Tutte le volte che ci si è immersi negli annunci di lavoro, si legge in quasi tutte le descrizioni che è necessaria la conoscenza della lingua inglese. Questo significa che le lingue sono essenziali per il lavoro, ma se anni fa sapere “solo” l’inglese era già un traguardo, al giorno d’oggi non lo è più, sarà per la globalizzazione, per i continui contatti con l’estero e per le trattative di mercato, ma l’inglese oggi deve essere seguito da altre lingue. Ecco allora che si presentano altre lingue, che aprono gli occhi e gli orizzonti. Le aziende sono infatti sempre alla ricerca di professionisti con skill linguistici evoluti in grado di relazionarsi in maniera fluente.

=> Lingue straniere per essere i migliori 

Si parla del russo, del cinese e del francese. Tutte e tre lingue molto utilizzate per lo scambio con il nostro paese, il russo ha registrato un boom notevole negli ultimi 10 anni e gli scambi con il nostro paese sono in costante crescita. Il cinese, dal 2001 al 2011 i non cinesi che studiano mandarino sono cresciuti di quasi 50 milioni. Infine il francese è la lingua che gli analisti considerano la più interessante in termini di sviluppo futuro.