Lavorare in amore

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Unire amore e lavoro, ecco tutti i pro e i contro di questa decisione.

La vita di coppia è una percorso particolare e difficile come può esserlo il lavoro, per questo spesso analizzare una determinata situazione è complesso, perchè ogni percoso è differente. Ma di certo ci sono degli elementi che spesso sono comuni per molte coppie.

=> Carriera e vita di coppia, binomio vincente

Cosa succede se questi due difficili argomenti si uniscono? Lavorare con il partner non è una realtà così impossibile, ci sono moltissime coppie che lavorano insieme e ovviamente ne esistono altrettante che non lo fanno. Ma come ogni cosa esistono ovviamente delle categorie e delle sotto categorie. Nello specifico si parla delle prime due categorie iniziale, chi lavoro con il partner e chi no, dopodiche si passa alle coppie che lo hanno deciso volontariamente, a coloro che sono state obbligate dalle dinamiche della vita e chi invece ha potuto decidere e ha deciso di farlo o non farlo, tutto questo riferito sia al primo gruppo che al secondo.

=> Donne a capo di aziende? Mai in coppia

Ma alla fine lavorare con il partner si o no? La risposta non può essere unica, questo perché ogni coppia vive la propria storia in modo differente, per molti lavorare insieme significa passare del tempo, confrontarsi e condividere anche la vita lavorativa. Per altri la risposta potrebbe essere categorica, assolutamente no. Il lavoro è quasi un rifugio distante dalla vita di coppia e lavorare insieme diventerebbe un incubo. Spesso la seconda opzione non è sinonomi di non amore, al contrario è un sentimento che nasce per la tutela del futuro di coppia.

=> Gestire un’azienda in coppia: le regole per il successo

Per lavorare insieme ovviamente ci vuole molta disciplina e professionalità, qualsiasi sia il ruolo professionale che si occupa non sono ammesse liti, scenate e anche al contrario effusioni continue. In poche parole lavorare insieme ma accontanare per quelle ore la propria vita privata. Bisogna andare ad organizzare il lavoro e le responsabilità come due qualsiasi lavoratori. Al contrario basare il proprio percorso lavorativo sottolineando sempre l’essere coppia è quel tipo di atteggiamento dannoso per il lavoro e per la coppia. La risposta se lavorare insieme è un bene o un male, rimane sempre vaga e poco esaustiva, in quanto la risposta per tale decisione deve essere prese in primis consapevolmente dagli interessati. Ognuno conosce il proprio essere, i limiti, le richieste e i problemi, perché prima di analizzare se la coppia è adatta al percorso è importante domandarsi se il singolo può intraprende una carriera con il proprio partner oppure no.