Dove inviare il curriculum

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Inviare il curriculum nel modo più corretto, ecco come.

Creare un curriculum oggi è molto meno complesso del passato, moltissimi gli aiuti e i consigli in primis dal web, ma la strada per colpire le aziende in fase di selezione è spesso lunga e in salita. 

Creare il curriculum

Moltissime le tecniche e le metodologie per stilare il proprio curriculum, ma dopo aver superato il primo ostacolo dove si deve inviare il proprio curriculum? L’obiettivo è quello di farsi notale e cercare di arrivare tra le “mani” di coloro che sono alla ricerca di un nuovo profilo professionale, in poche parole è importante sia creare un buon curriculum sia scegliere la tecnica migliore per inviarlo o consegnarlo. Con il web le tecniche di consegna sono aumentate, ad oggi si possono utilizzare anche le email che si aggiungono alla consegna a mano tradizionale e la raccomandata. Iniziando dalla tradizionale consegna a mano si può dire che è ancora una tecnica molto usato, spesso si preferisce perchè ci si sente più vicini al traguardo, anche se spesso non è così. La consegna a mano da la possibilità di farsi vedere di persone dagli altri dipendenti o dal capo, per questo è importante porre l’attenzione anche al proprio look, al proprio linguaggio e il proprio atteggiamento. Ovviamente la consegna tradizione è una buona scelta solo e quando l’annuncio ne esprime la possibilità, nel caso sono specificati precisi percorsi via web, per inviare il curriculum, è importante seguirli e mettere da parte la consegna a mano.
Dopo di che si passa alla raccomandata ricordando di utilizzare la ricevuta di ritorno, una strada che si trova a metà tra la consegna a mano e l’invio dell’email. In questo caso non è presente il contatto dal vivo, ma comunque si invia un curriculum cartaceo. Anche questo metodo è una buona scelta ma anche nel caso precedente è importante utilizzarlo solo in caso viene espressamente richiesto. Utile nel caso in cui si vuole inviare il curriculum cartaceo ma la sede è troppo distante per consegnarlo a mano. Infine si trova l’email, maggiormente utilizzata, nessuno spreco di carta, tempi ridotti, e possibilità di invio ovunque e quando si vuole. Anche in questo caso ci sono delle regole importantissime tra cui scrivere una lettera di presentazione e sopratutto allegare il curriculum, inviare il tutto all’indirizzo indicato e specificare nell’oggetto la propria candidatura spontanea. Per finire è importante utilizzare un nickname professionale preferibilmente con nome e cognome, mettendo da parte nomiglioli e simili.

Fonte: Shutterstock