Un contratto di lavoro non firmato

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Firma e contratto di lavoro, ecco tutte le chiarezza.

Il contratto di lavoro non firmato esiste e viene sostituito dalla lettera di assunzione, ma solo e soltanto se vengono inserite all’interno delle specifiche indicazioni.

I contratti di lavoro

Precisando che tutti i contratti, ad esclusione del contratto a tempo indeterminato e a tempo pieno, è considerata una deroga che deve essere messa nero su bianco e sottoscritta dalle parti. Nel caso in cui un datore di lavoro non prevede la firma di un contratto con il dipendente, il rapporto si deve intendere a tutti gli effetti di legge a tempo indeterminato e a tempo pieno. Nello specifico si parla di quei contratti come contratto a termine, part time, apprendistato, formazione lavoro, ecc. Inoltre la copia firmata del contratto di lavoro è importante per chiarire al nuovo assunto qual è il contratto nazionale di categoria applicato, la mansione, l’inquadramento e le caratteristiche del contratto nel caso esista un termine si troverà la data di scadenza.

Il valore del primo contratto di lavoro

E per finire nello specifico si parla di validità tramite la lettera di assunzione solo quando in questa vengono indicati:

  • l’identità delle parti;
  • il luogo di lavoro;
  • il numero di matricola del dipendente iscritto sul libro unico del lavoro aziendale;
  • la data di inizio del rapporto di lavoro e quella di cessazione in caso di contratto a termine, nonché la precisazione se si tratta di un rapporto a tempo determinato o indeterminato;
  • la durata del periodo di prova (se non è indicata, questo periodo non è valido);
  • inquadramento nel CCNL, livello, qualifica e mansioni del dipendente;
  • importo iniziale dello stipendio ed eventuali altri elementi retributivi (benefit, gettoni, ecc.);
  • orario di lavoro.

Fonte: Shutterstock

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito