Rinnovabili, Clini conferma incentivi fotovoltaico

di Massimiliano Santoro

scritto il

Il ministro dell'ambiente Corrado Clini spiega che non ci sarà nessuna sorpresa riguardo al settore del fotovoltaico.

La cornice di riduzione degli incentivi alle energie rinnovavili e al fotovoltaico resta ma senza forzature o accelerazioni. Il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, conferma la revisione del conto energia e spiega che ciò avverrà entro due specifiche: riduzione degli incentivi tenendo presente i prezzi attuali dei modelli fotovoltaici e non superamento della soglia dei 7 miliardi annui.

Insomma, il “Quinto Conto Energia” resta confermato per quanto concerne il fotovoltaico: “Gli incentivi dovranno riguardare gli impianti di piccole dimensioni per l’autoconsumo domestico e industriale – spiega il responsabile del dicastero – favorendo l’integrazione del solare con l’efficienza energetica e sostenendo l’innovazione tecnologica. In questo modo, gli incentivi rappresentano un forte fattore di crescita, che si accompagna agli effetti del credito di imposta (55%) e al successo del Fondo rotativo di Kyoto”.

Il Quinto Conto Energia non è altro che il  prossimo meccanismo di incentivazione dell’energia rinnovabile prodotta dai pannelli solari. Gli incentivi sono dati sotto forma di un pagamento per ogni chilowattora prodotto e le risorse sono prelevate dalle bollette elettriche dei consumatori: “Mentre pesano sulle bollette, al tempo stesso con un meccanismo opposto – sostiene il ministro – le fonti pulite di energia abbassano il costo del chilowattora e soprattutto riducono il fabbisogno di combustibili fossili, che sono d’importazione, con un vantaggio netto sulla bilancia dei pagamenti del Paese”.

Il ministero dello Sviluppo Economico vorrebbe comunque arrivare già a partire da questa settimana al varo di due decreti legge che dovranno rimettere ordine alla materia. L’obiettivo è di procedere a un un taglio del 30-40% agli incentivi, allineandoli a quelli dell’Unione europea.

Gli impianti fotovoltaici – anche se in grado di generare poca potenza (3 kilowatt) – dovranno iscriversi a un registro nel quale sarà contenuta una classificache tenga conto dell’efficienza del sistema e del loro basso impatto ambientale. Per accedere ai finanziamenti occorreranno diversi requisiti minimi, a inziare dal fatto di possedere la capacità finanziaria di costruire un impianto.