Tratto dallo speciale:

Email: ancora un valido strumento di marketing

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Nonostante il consolidarsi di nuove modalità di comunicazione in stile Web 2.0, le email restano uno strumento di marketing ancora efficace e sopratutto economico

Le email restano a tutt’oggi uno valido strumentodi marketing per le aziende, nonostante sembrino passare in secondo piano rispetto a più moderne modalità di comunicazione, dagli SMS a Facebook e Twitter. Uno strumento che, soprattutto in tempo di crisi, trova la sua forza su costi contenuti.

L’Email Marketing è radicato da tempo nella cultura aziendale e, dopo una prima fase di esplorazione dei canali Web 2.0, sembra ritornare in auge.

Alcuni esempi: secondo una recente indagine condotta negli Stati Uniti, su 3mila responsabili Marketing il 58% preventiva un aumento della spesa dedicata all’invio di email pubblicitarie, contribuendo così alla crescita di un mercato che varrà quest’anno 700 milioni di dollari (+20,7%).

Si tratta perlopiù di email giunte ai destinatari tramite opt-in – ovvero adesione spontanea alla ricezione di messaggi tramite iscrizione a newsletter o mailing list – anche se continuano a trovare un buon riscontro le pubblicità presenti nei portali di posta elettronica quali Yahoo! Mail e Hotmail.

In un periodo di forte recessione come quello attuale, le classiche email potrebbero considerarsi un investimento migliore rispetto ai banner online poiché permettono una più profonda fidelizzazione dei clienti e mantenere stretti i propri clienti risulta decisamente più economico rispetto a cercarne di nuovi.

I costi di marketing tramite email rappresentano solamente il 2% di tutta la spesa annua negli Stati Uniti riservata agli annunci online; una cifra decisamente bassa che ben rispecchia i bassi costi di gestione ma che si stima sia comunque destinata a raggiungere i 630 milioni di dollari nel 2013.

I Video di PMI

Facebook locations per chi ha più sedi fisiche