Ue: un freno ai costi di Sms e Internet in roaming

di Chiara Bolognini

scritto il

In arrivo il documento ufficiale della Commissione Europea sulla riduzione delle tariffe per chiamate, sms e Internet all'estero

Novità in arrivo dalla Ue per Sms e Internet mobile in roaming. Conclusasi ieri la consultazione pubblica sulla nuova regolamentazione Tlc, le agenzie di stampa da Bruxelles hanno confermato che la proposta del Commissario europeo alle Telecomunicazioni, Viviane Reding, per la riduzione dei costi relativi all’utilizzo dei due servizi all’estero è giunta alla fase finale del progetto .

Per l’adozione formale del testo, presentato già in via ufficiosa agli altri Commissari, occorrerà attendere fine settembre o la prima settimana
di ottobre.

Si tratta di un ulteriore passo in avanti rispetto allo scorso anno, quando il Commissario aveva imposto dei limiti alle tariffe delle chiamate ricevute o effettuate da cellulare all’estero, ma non anche agli Sms.

In particolare, nel mese di luglio l’attenzione si era focalizzata sui prezzi che, in base all’opinione dei regolatori europei del mercato delle telecomunicazioni, avrebbero dovuto attestarsi sugli 11 centesimi di euro come tariffa base.

Oltre che le riduzioni previste per gli Sms, dal Commissario europeo arriva anche la volontà di limitare le tariffe per il download dati via rete mobile all’estero, nella navigazione in Internet o per leggere le email su pc portatile.

In più, la riduzione delle tariffe per le chiamate vocali all’estero, che è entrata in vigore l’estate scorsa potrebbe essere prorogata fino al 2013, tre anni in più rispetto al previsto 2010.