Tratto dallo speciale:

Compensazione crediti d’imposta al posto del rimborso

di Barbara Weisz

scritto il

Al posto dei rimborsi fiscali, privati e aziende possono chiedere la compensazione di crediti d'imposta IRPEF, IRES e IRAP: termini e scadenze per inviare la dichiarazione integrativa (UNICO 2013 o Dichiarazione IRAP).

Ultimi giorni per trasformare in compensazione i crediti d’imposta (IRPEF, IRAP o IRES) risultanti dalla Dichiarazione dei Redditi: la dichiarazione integrativa va presentata compilando un nuovo modello (UNICO o dichiarazione IRAP) barrando l’apposita casella in frontespizio, nella sezione “tipo di dichiarazione”, contrassegnata dalla dicitura: “dichiarazione integrativa ex articolo 2, comma 8-ter, del Dpr 322/98“.

Scadenze

In relazione ad IRPEF e IRAP, la richiesta di comp’ensazione del credito d’imposta tramite dichiarazione integrativa si può effettuare entro e non oltre 120 giorni dalla scadenza originaria di presentazione, che in questo caso scatta il 28 gennaio. Per i soggetti IRES vale lo stesso termine se il periodo d’imposta coincide con l’anno solare. Diversamente, bisogna invece calcolare i 120 giorni.La dichiarazione integrativa può essere presentata anche se quella originaria  sia stata presentata in ritardo, purchè entro i 90 giorni consentiti (ossia entro il 29 dicembre 2013). Anche in questo caso, tuttavia, la scadenza per la dichiarazione integrativa resta ferma al 28 gennaio 2014.

Requisiti

La compensazione delle tasse si può chiedere in alternativa ad una precedente richiesta di rimborsoAttenzione: la richiesta di compensazione può essere effettuata solo nel caso in cui il rimborso non sia già stato erogato, anche se solo in parte. In pratica, la procedura per avviare la compensazione blocca la precedente richiesta di rimborso. Dai termini normativi, non sembra possibile applicare la formula inversa.

Compensazione IVA

La compensazione (o detrazione) IVA può essere invece richiesta fino al 30 settembre e il riferimento normativo è in questo caso la Circolare n. 17/E del 6 maggio 2011. Il contribuente può rettificare la richiesta di rimborso del credito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa. Si può richiedere di portare in detrazione o compensazione anche solo una parte del credito d’imposta vantato, ma “non oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo” (ex comma 8-bis, art. 2, DPR n. 322/98). Dunque, per i crediti IVA 2012 la scadenza è appunto il prossimo 30 settembre.